Serra San Bruno, nessuno slittamento: si voterà il 5 giugno

Intanto il terzo polo potrebbe puntare su Mirko Tassone quale candidato a sindaco.

Intanto il terzo polo potrebbe puntare su Mirko Tassone quale candidato a sindaco.

Informazione pubblicitaria

Adesso è ufficiale: anche Serra San Bruno voterà, al pari degli altri Comuni del Vibonese, il prossimo 5 giugno. Ad annunciarlo il commissario prefettizio Sergio Raimondo, insediatosi questa mattina al Comune, dopo la decadenza del civico consesso a seguito delle dimissioni di sette consiglieri di maggioranza.

Secondo alcune interpretazioni della legge 120/1999, la data del voto in caso di scioglimento del consiglio comunale dopo il 24 febbraio poteva slittare di un anno. Evidentemente è prevalsa la linea che, essendo in scadenza, il Comune della città della Certosa non era sottoposto a questa normativa.

Nel frattempo si infittiscono i contatti per la composizione delle liste. Al momento ai nastri di partenza ci sono tre coalizioni: quella messa in campo dal consigliere regionale Nazzareno Salerno (che ha imbarcato l’ex consigliere di minoranza e, a questo punto, ex Pd, Rosanna Federico); il centrosinistra che ha come sponsor principale il deputato Bruno Censore; e il terzo polo al quale di recente ha aderito il sindaco uscente Bruno Rosi.

Mentre per i primi due cartelli elettorali si fanno diversi nomi di candidati a sindaco, per l’ultimo crescono le quotazioni del già esponente dell’opposizione Mirko Tassone.