mercoledì,Giugno 29 2022

Biblioteca di Vibo, Lo Gatto (“Azione”): «Dall’assessore Rotino soltanto scuse»

Affondo del componente della segreteria cittadina contro l’amministrazione comunale definita priva di «concretezza nella risoluzione dei problemi che attanagliano la città»

Biblioteca di Vibo, Lo Gatto (“Azione”): «Dall’assessore Rotino soltanto scuse»
La Biblioteca di Vibo e, nei riquadri, Daniela Rotino e Pierluigi Lo Gatto

«“Presto”, “A breve”, “Fra poco”, sono tutti termini vuoti per mascherare l’assoluta assenza di concretezza da parte dell’attuale amministrazione comunale di Vibo Valentia nella risoluzione dei problemi che attanagliano la città. E così, mentre viene fatta cadere nel dimenticatoio l’interrogazione del capogruppo di Azione in seno al consiglio comunale, Stefano Luciano, l’assessore Daniela Rotino enumera i motivi (o, meglio, le scuse) che hanno condotto a trascurare in maniera così eclatante in favore di altro (o di altri?) la Biblioteca comunale, simbolo di quella sbandierata elevazione del sapere che la giunta corrente ha tatuata sulla fronte, con colori però sempre più sbiaditi».

Affondo di Pierluigi Lo Gatto, componente della segreteria cittadina di “Azione”, secondo il quale «l’unica cosa che è venuta alla luce, parafrasando l’assessore alla Cultura, è stata l’assoluta inefficienza di una compagine che aveva promesso velocità da Formula Uno e che invece procede a dorso di mulo. Cultura, etimologicamente, significa coltivare, cioè spargere dei semi che diventeranno, grazie ad attente ed amorevoli cure, resistenti arbusti. E Vibo Valentia, eletta Capitale del Libro 2021, avrebbe dovuto spargerli, questi semi, piuttosto che innestare una miriade di erbe finte la cui durata è eguale a quella di una meteora. Invece di sfruttare questo unico ed incredibile palcoscenico – attacca ancora il rappresentante del partito di Carlo Calenda -, organizzando pochi ma rilevanti eventi, i cospicui finanziamenti (600.000 euro) sono stati dilapidati in mille rivoli, inconcludenti per la città ma sostanziosi per coloro che rientrano nella paradisiaca cerchia dei favoriti dall’attuale amministrazione. L’occasione era irripetibile per far brillare Vibo Valentia in un contesto nazionale e, perché no, anche internazionale, mettendo in risalto le capacità, i tesori e le potenzialità del nostro territorio». [Continua in basso]

Ma, ancor di più, a parare di Pierluigi Lo Gatto, «era un’opportunità per avviare dei progetti che avrebbero potuto svilupparsi negli anni a venire, coinvolgenti soprattutto le nuove generazioni, continuando a dare lustro mediatico alla nostra città con conseguente ricaduta economica per tutti, e non per i soliti pochi. Leggere un libro significa educare l’anima ed opporsi alla supremazia della tecnica; allo stesso modo, però, ricostruire e ridar vita a quei luoghi che caratterizzano una comunità significa elevarne lo spirito e svilupparne l’identità. E allora, perché non rendere rapidamente fruibile il Teatro (altra reiterata promessa), che nell’antica Grecia era considerato talmente sacro da essere costruito vicino ai Templi? Perché non riaprire (finalmente) la Tonnara di Bivona, emblema di una tradizione da valorizzare? Perché togliere fondi e far morire la già citata Biblioteca comunale? Perché non crearne un’altra di cui potessero godere le Marinate? La politica, arte regia, – chiude l’esponente politico – diventa invece pessima fattrice quando non ha una visione».

Articoli correlati

top