lunedì,Luglio 4 2022

Vibo fra le erbacce, Tropeano (Azione): «Città nel degrado e ritornata indietro di secoli»

Nel mirino del responsabile organizzativo del partito la situazione presente in particolare su viale Kennedy e via Dante Alighieri

Vibo fra le erbacce, Tropeano (Azione): «Città nel degrado e ritornata indietro di secoli»
Degrado a due passi dall'Oratorio
Pino Tropeano
Pino Tropeano

«L’efficienza di un’amministrazione si misura con la capacità di gestire l’attività ordinaria per dare ai cittadini quella dimensione del vivere civile fondamentale per sentire la vicinanza delle istituzioni. In tale ottica rientra l’attività di decoro urbano, essenziale a garantire quanto detto in premessa ed opportuna anche al fine di esaltare la bellezza naturale di una città ormai abbandonata a se stessa».
E’ quanto afferma Pino Tropeano, responsabile organizzativo del partito di Azione, secondo il quale «l’abbandono è provato, ad esempio, dalla situazione indecorosa che è presente sulle centralissime via Kennedy e via Dante Alighieri, che sono le vie circostanti l’Oratorio Salesiano, caratterizzate ad oggi da sporcizia e verde pubblico così incolto da impedire finanche il passaggio sul marciapiede. Ho ritenuto di documentare quanto appena evidenziato per evitare di poter essere smentito, anche se la situazione è oramai sotto gli occhi di tutti. Ritengo opportuno – prosegue Pino Tropeano – che, al più presto, queste vie così importanti debbano essere ripulite affinché si possa dare un’immagine positiva della città e soprattutto affinché si possa garantire quel minimo di civiltà di cui i cittadini avvertono una forte necessità. L’incuria in cui versa una città ne modifica negativamente l’immagine e la percezione di “bellezza” ed il decoro urbano esprime un concetto estetico, morale e culturale che riguarda la qualità sociale delle città e corrisponde alla responsabilità di un’amministrazione nei confronti della collettività». [Continua in basso]

Dopo quanto documentato, Pino Tropeano sottolinea che «sentire oggi il sindaco affermare di “avere elevato la città grazie alla cultura” suscita forti perplessità perché in realtà Vibo Valentia è tornata indietro di secoli quando i cittadini vivevano tra degrado ed erbacce. Il resto – conclude l’esponente locale di Azione – appartiene alla fantasia del sindaco in quanto la città non è mai stata in preda ad un degrado generalizzato di questi livelli».

Articoli correlati

top