martedì,Aprile 23 2024

Serra, il Comune rimborsa la bolletta della luce e la Tari ai cittadini più bisognosi

L’amministrazione comunale utilizzerà le somme residue del bando "Misure urgenti di solidarietà alimentare e di sostegno alle famiglie per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche”

Serra, il Comune rimborsa la bolletta della luce e la Tari ai cittadini più bisognosi
Il sindaco Alfredo Barillari

Sarà presto pubblicato un Avviso per il rimborso di quanto pagato per energia elettrica per bollette, relative all’anno 2022, e/o per il rimborso della Tari 2022, sotto forma di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di beni di prima necessità, ai cittadini che versano in condizioni di disagio economico e che risultano in regola con il pagamento di tutti i tributi comunali e che hanno un Isee fino a 12.000,00 euro, nonché della realizzazione di interventi, consistenti nell’acquisto di beni alimentari, su riconosciuti casi di necessità rispetto ai quali si procederà sulla base di specifiche relazioni sociali. È quanto ha deciso di fare la giunta comunale di Serra San Bruno, presieduta dal sindaco Alfredo Barillari, il quale ha demandato al responsabile dell’Area affari generali e istituzionali dell’ente Brunella Tripodi l’adozione dei successivi provvedimenti. [Continua in basso]

Nella delibera di giunta viene ricordato che a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 da cui è derivata una grave crisi economica, il Governo ha deciso di individuare delle risorse atte a sostenere le famiglie più colpite. Il decreto legge del 24 giugno 2021 del Ministero dell’Interno di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha dunque stanziato 500 milioni per i Comuni finalizzati a sostenere le famiglie che versano in stato di bisogno. Al Comune di Serra San Bruno è stato assegnato un contributo di 137.717,52 per l’acquisizione di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari presso gli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa o di generi alimentari o prodotti di prima necessità e per il pagamento di canoni di locazione e delle utenze domestiche. Quindi, sono stati approvati e pubblicati gli Avvisi pubblici relativi alle “Misure urgenti di solidarietà alimentare e di sostegno alle famiglie per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche” che hanno comportato una spesa complessiva di 81.737,60 euro. È, pertanto, rimasta disponibile la somma complessiva di 55.979,92 euro che il Comune ha dunque deciso di utilizzare per concedere i rimborsi, sotto forma di buoni spesa utilizzabili – come già anticipato – per l’acquisto di beni di prima necessità, ai cittadini che versano in condizioni di disagio economico, di quanto pagato per energia elettrica (utenze domestiche) per bollette relative all’anno 2022 e/o a titolo di Tari per l’anno 2022.

LEGGI ANCHE: Pronto soccorso di Serra San Bruno e Tropea verso i lavori: ecco cosa sarà fatto dall’Asp

Serra, ritornati i ricercatori dell’Università di Firenze: al centro l’identità serrese e altro

Articoli correlati

top