sabato,Giugno 22 2024

Elezione presidente Provincia di Vibo: il M5S chiede agli alleati un nome condiviso

I consiglieri comunali del Movimento Cinque Stelle Domenico Santoro e Silvio Pisani si rivolgono alle forze progressiste e sollecitano la convocazione di una riunione

Elezione presidente Provincia di Vibo: il M5S chiede agli alleati un nome condiviso
La Provincia. In senso orario, i consiglieri comunali Domenico Santoro e Silvio Pisani

È una sorta di vademecum politico-elettorale quello che i consiglieri comunali di Vibo Valentia del Movimento 5 Stelle Domenico Santoro e Silvio Pisani hanno predisposto in vista dell’elezione del presidente della Provincia di Vibo Valentia. In riferimento, dunque, a questo appuntamento elettorale – previsto per il prossimo 29 gennaio – i due esponenti pentastellati precisano che «il bisogno di un presidente della Provincia di Vibo Valentia fortemente progressista e di innovazione è innegabile ed il M5S si batte per costruire una tale evenienza, ma senza “inciuci”. Occorre, quindi, esplicitare che al momento, l’opposizione dei consiglieri comunali di Vibo Valentia, sono per nessun schieramento politico costituito. Quello ipotizzato di recente è una aspirazione, ma assolutamente non una realtà, dato che la maggior parte di questi componenti ha votato in modo disparato ed alcuni nei moltissimi momenti importanti (vedi per ultimo l’elezione presidente dei revisori dei Conti) con la maggioranza. Questo atteggiamento – proseguono i due consiglieri -, dal M5S stigmatizzato più volte, porta alle solite pressioni politiche di fine legislatura di rimescolamento della maggioranza. Ed infatti, le tattiche della prossima elezione del presidente della Provincia, va inquadrata in quest’ottica ed il M5S non deve dare spazio ai trasformisti politici che, giocando su più tavoli, cercano di aumentare il proprio potere contrattuale». [Continua in basso]

Nella realtà, «il M5S crede che questo momento politico nel Vibonese debba essere interpretato come il primo atto del raggruppamento progressista che debba portare ad un nuovo sindaco di Vibo Valentia. Ma, l’accordo politico si fa sui fatti, sulle votazioni, non sulle promesse, coloro che vogliono far parte di questo gruppo progressista devono dimostrare con atti politici di essere veramente all’opposizione, senza fare “inciuci”». Da qui la richiesta da parte di Santoro e Pisani ai vertici del Partito democratico vibonese, al raggruppamento che fa capo al consigliere regionale Antonio Lo Schiavo ed a tutti i raggruppamenti che si ispirano «a un tale progressismo, nella consapevolezza che sia meglio perdere con dignità e non vincere con un accordo “inciucio”», di convocare una riunione politica per «indicare un nome condiviso di presidente della Provincia di Vibo Valentia».

LEGGI ANCHE: Provincia Vibo: ecco il numero di sindaci e consiglieri aventi diritto al voto per l’elezione del presidente

Articoli correlati

top