giovedì,Aprile 22 2021

Riprese televisive del Consiglio, sull’emendamento salta il numero legale

All’Ordine del giorno presentato da Antonio Lo Schiavo la maggioranza ha chiesto di aggiungere il parere degli uffici comunali. Il punto rinviato a domani

Riprese televisive del Consiglio, sull’emendamento salta il numero legale

Il consigliere comunale d’opposizione Antonio Lo Schiavo ha da tempo avanzato la proposta di consentire che le sedute di consiglio comunale vengano riprese e trasmesse al fine di garantire la massima trasparenza e diffusione dei lavori stessi. Ed oggi, durante l’ultima seduta di Consiglio a Palazzo Luigi Razza, si è discusso, tra le altre cose, proprio dell’Ordine del giorno presentato dal consigliere di minoranza diversi giorni orsono.

O meglio, si è provato a discuterne, visto che il mancato raggiungimento del numero legale sul voto dell’emendamento presentato dalla maggioranza ha fatto slittare il punto a domani.
Attraverso l’emendamento proposta, la maggioranza puntava ad inserire un passaggio in più nel testo, che determinava il rimando ad un parere degli uffici comunali sulla sostenibilità economica della proposta avanzata da Lo Schiavo.

«L’inciso – ha spiegato in aula il promotore dell’Ordine del giorno – rimette nelle mani degli uffici la decisione, sottraendola quindi alla sfera politica. Il rischio più che concreto, però – ha ravvisato Lo Schiavo -, è che la proposta venga rigettata per via del dissesto finanziario. Questa iniziativa mira non solo ad impiantare un sistema fisso all’interno dell’aula, ma anche a consentire ai giornalisti di poter riprendere le sedute con i propri apparecchi, con costi che non sfiorerebbero neanche le casse del Comune».

L’emendamento non è, tuttavia, neppure arrivato al vaglio dell’aula visto che alla richiesta di verifica del numero legale, avanzata dall’opposizione, lo stesso non è risultato raggiunto per via dell’assenza di diversi consiglieri, tra cui alcuni della stessa maggioranza. Ciò ha quindi determinato, come detto, lo slittamento a domani mattina quando ci sarà la seconda convocazione del Consiglio.

top