Tropea, cade l’amministrazione comunale

La minoranza e tre consiglieri di maggioranza votano contro il riequilibrio di bilancio decretando la fine del mandato di Pino Rodolico  

La minoranza e tre consiglieri di maggioranza votano contro il riequilibrio di bilancio decretando la fine del mandato di Pino Rodolico  

Informazione pubblicitaria

Game over. L’amministrazione comunale di Tropea si è disintegrata. Il presidente del civico consesso Sandro D’Agostino, l’ex vicesindaco Domenico Tropeano e il consigliere Nino Valeri hanno votato con l’opposizione contro il riequilibrio di bilancio, presentato dalla Giunta durante la seduta dell’assemblea municipale di stamattina, decretando di fatto la fine dell’amministrazione targata Pino Rodolico.  

Il segretario comunale ha inviato il verbale dell’assise pubblica in Prefettura. Il prefetto di Vibo Valentia Carmelo Casabona prenderà atto dello sfaldamento della maggioranza e invierà un commissario. Ad onor del vero, si era in attesa, in ordine alla relazione della Commissione d’accesso agli atti sulle presunte infiltrazioni mafiose al Comune, del pronunciamento del Governo sul possibile scioglimento del Consiglio. Ebbene, il gruppo che faceva capo a Rodolico ha fatto tutto da solo spaccandosi in due: da una parte i fedelissimi, dall’altra gli scissionisti. Risultato: tutti a casa.