Rilancio del porto di Vibo Marina, Insardà: «Si formi un tavolo tecnico»

Dopo l’allarme lanciato dai sindacati rispetto ad un ridimensionamento del ruolo dello scalo, il segretario del Partito democratico annuncia la proposta che verrà portata presto in aula al Comune 

Dopo l’allarme lanciato dai sindacati rispetto ad un ridimensionamento del ruolo dello scalo, il segretario del Partito democratico annuncia la proposta che verrà portata presto in aula al Comune 

Informazione pubblicitaria

«Il Partito democratico non può che manifestarsi sensibile all’appello giunto dai sindacalisti Mammoliti (Cgil) e Pagnotta (Cisl), in riferimento al porto di Vibo Marina, che rischia di rimanere schiacciato tra Lamezia e Gioia Tauro, laddove non si dovesse procedere immediatamente a rilanciare tale infrastruttura attraverso un progetto complessivo da mettere in atto senza indugi o pregiudizi di sorta». A riferirlo in un comunicato stampa è il segretario provinciale dei dem Enzo Insardà ricordando tra l’altro come «il sindaco Limardo, in campagna elettorale, aveva più volte evidenziato la necessità di porre il porto al centro dell’azione amministrativa, come presupposto per il rilancio di Vibo Marina e dell’economia dell’intero territorio, ma sino ad oggi, nessun impulso in tal senso ha animato l’agire della maggioranza». Ed allora, per il segretario del Pd, «sono comprensibili le preoccupazioni espresse dai sindacati sopra citati, che noi facciamo nostre e che porteremo nell’ambito dell’assise cittadina al prossimo consiglio comunale fissato per la fine di agosto. Ed infatti, unitamente al capogruppo Stefano Luciano ed all’intero gruppo consiliare abbiamo ritenuto di introdurre la discussione sul porto anche per dimostrare la volontà dell’opposizione di occuparsi di questioni amministrative di interesse generale, senza volere introdurre elementi di tensione politica, ma solo per dare un contributo affinché possano essere focalizzate le vere tematiche che consentirebbero a questo territorio di uscire dalla palude». L’idea è quella di presentare «un ordine del giorno, per creare i presupposti affinché il consiglio comunale deliberi, come atto di indirizzo politico, la costituzione di un tavolo tecnico, composto dal sindaco, dal presidente della Provincia, dal presidente della Regione e dall’autorità portuale di Gioia Tauro, affinché, si possa pianificare un progetto sostenibile di rilancio del porto di Vibo Marina, come infrastruttura strategica e sotto il profilo commerciale e sotto il profilo turistico. Ciò nella speranza che la maggioranza non si chiuda a riccio come sin ora fatto e che accolga con favore le iniziative proficue che nell’interesse del territorio, provengono dall’opposizione».

Informazione pubblicitaria