sabato,Aprile 20 2024

Intimidazione al vescovo, Mammoliti: «Lo Stato non può abbandonare i nostri territori»

Il consigliere regionale sarà presente alla manifestazione di Cessaniti indetta per domani sera

Intimidazione al vescovo, Mammoliti: «Lo Stato non può abbandonare i nostri territori»
La Cattedrale di Mileto e monsignor Attilio Nostro
Raffaele Mammoliti

“L’atto intimidatorio perpetrato nei confronti del Vescovo monsignor Attilio Nostro, dopo quello subito da alcuni sacerdoti di Cessaniti unitamente ad altri fenomeni di criminalità e violenza registratesi nel territorio Vibonese, dimostrano chiaramente che non bisogna affatto abbassare la guardia. Occorre, anzi, reagire e sollecitare a tutti i livelli azioni coerenti per garantire incolumità e sicurezza. Dopo anni di politiche di abbandono che hanno portato allo smantellamento dei servizi essenziali spesso, purtroppo, prevale il linguaggio della paura da parte della collettività ormai sfiduciata. In tale direzione trovo emblematiche e preoccupanti le affermazioni del procuratore Camillo Falvo, il quale riferisce in merito alle numerose commissioni d’accesso, comuni sciolti e interdittive antimafia, come Vibo per troppo tempo sia stata trascurata dall’azione dello Stato, delle Forze dell’ordine e della Magistratura. Un monito che deve far riflettere l’intera comunità vibonese e che dimostra come l’encomiabile lavoro delle sole Forze dell’ordine e della Magistratura non sia sufficiente per invertire la rotta. Bisogna garantire sempre di più da parte dello Stato il presidio del territorio come elemento imprescindibile e fondamentale per rafforzare la fiducia dei cittadini verso le istituzioni. Anche a sostegno di tale ragione sarò presente alla manifestazione di Cessaniti indetta per domani sera”.

LEGGI ANCHE: Mileto, intimidazione al vescovo Attilio Nostro: bossolo all’interno della curia vescovile

top