sabato,Giugno 22 2024

Propaganda live, Colelli (Pd) fa «i disegnini» per spiegare che «Muzzopappa non arriva al ballottaggio» – VIDEO

Il segretario cittadino dem a distanza di una settimana torna sull’incursione di Diego Bianchi a Vibo Valentia quando insieme ad alcuni militanti aveva ipotizzato il 20% per la coalizione di centro

Propaganda live, Colelli (Pd) fa «i disegnini» per spiegare che «Muzzopappa non arriva al ballottaggio» – VIDEO
Francesco Colelli

A distanza di una settimana, l’incursione a Vibo Valentia di Diego Bianchi, in arte Zoro, continua a far discutere. La puntata di Propaganda Live del 10 maggio scorso ha sviscerato l’imminente competizione elettorale con il distacco e con l’oggettività che soltanto un “forestiero” può avere, non conoscendo protagonisti e dinamiche della politica locale. Tra le cose che continuano a far discutere ci sono le parole dei “ragazzi del Pd”, un gruppo di militanti dem che, insieme al segretario cittadino Francesco Colelli, hanno incrociato Bianchi sul corso. Un breve chiacchierata che ha lasciato spiazzato Zoro quando dal gruppetto è stata avanzata l’ipotesi che il candidato a sindaco della coalizione di centro, Francesco Muzzopappa, possa conseguire il 20% dei voti e arrivare al ballottaggio al posto del candidato del centrosinistra, Enzo Romeo.

«Vuoi vedere che alla fine vince Muzzopappa», ha commentato Bianchi rammaricandosi per non averlo intervistato, ma di li a poco lo avrebbe (casualmente?) incontrato e ascoltato.

A distanza di una settimana Colelli torna sull’episodio con un video pubblicato su Facebook e, pennarello alla mano e davanti a una lavagna di carta, spiega perché a suo parere i centristi non si dovrebbe fare illusioni: «Gli amici del polo di centro, in grande difficoltà, stanno speculando su presunte dichiarazioni rilasciate dai “ragazzi del Pd” a Propaganda live. Ora gli faccio i disegnini, così capiscono meglio». E parte con quello che definisce un corso base di matematica: «Al ballottaggio si arriva con il 49,9%, con il 30,1%, invece chi prende il 20 è fuori!». Ecco il video.

Articoli correlati

top