Tropea in ginocchio a causa del maltempo, la Nesci interroga Gentiloni

La deputata pentastellata ha interrogato il presidente del Consiglio e i ministri dell'Ambiente e dell'Interno per sapere «quali conseguenti iniziative di competenza intendano assumere a tutela del territorio»

La deputata pentastellata ha interrogato il presidente del Consiglio e i ministri dell'Ambiente e dell'Interno per sapere «quali conseguenti iniziative di competenza intendano assumere a tutela del territorio»

Informazione pubblicitaria

Sui recenti danni al lungomare di Tropea e alle relative attività economiche, la deputata M5s Dalila Nesci ha interrogato il presidente del Consiglio e i ministri dell’Ambiente e dell’Interno per sapere «quali conseguenti iniziative di competenza intendano assumere a tutela del territorio, della spiaggia tropeana e delle attività economiche dell’area interessata, dunque dell’occupazione e dell’indotto relativi alla comunità locale, pure danneggiata dalla penetrazione della criminalità».

VIDEO | Tropea e la costa vibonese flagellate dalle mareggiate

Secondo la parlamentare «pure il governo centrale deve interessarsi in concreto e subito dello specifico problema, che necessita di risposte pronte e, soprattutto, di soluzioni vere ed efficaci».

Devastante mareggiata a Tropea, si contano i danni – FOTO/VIDEO

«Non è pensabile – afferma la deputata in una nota – che la provincia di Vibo Valentia debba essere sempre messa ai margini e che, in particolare, Tropea debba subire il silenzio e l’abbandono sistematico delle istituzioni più alte. Già negli anni scorsi presentai un atto parlamentare sul progetto di ripascimento della spiaggia tropeana, che deve tornare a essere una risorsa per gli abitanti e un simbolo nel mondo».

«Ancora una volta – conclude Nesci – lancio un appello ai vertici della Regione Calabria, affinché si attivino per le proprie competenze e perché intervengano presso il governo centrale, in modo da consentire la ripresa delle attività economiche colpite e da salvaguardare e rilanciare i luoghi, di elevatissimo interesse turistico».