domenica,Settembre 26 2021

Via Vespucci, replica del Comune: «Non solo sabbia, faremo molto di più»

L’assessore Giovanni Russo: «L’obiettivo è quello di restituire decoro urbano a tutta la via, tra le più importanti sul piano turistico della nostra città»

Via Vespucci, replica del Comune: «Non solo sabbia, faremo molto di più»

A poche ore dalla pubblicazione dell’articolo sulla spesa del Comune per la sistemazione di via Vespucci a Vibo Marina, arriva la replica dell’amministrazione comunale. Nello specifico è l’assessore ai Lavori pubblici, Giovanni Russo, a precisare innanzitutto che «con la cifra impegnata non ci si limiterà soltanto alla rimozione della sabbia».

Vibo, 30mila euro per rimuovere sabbia: ma lo si poteva fare gratis

«L’intervento che proprio in queste ore la ditta incaricata dal Comune sta effettuando – precisa Russo – mira a dare un decoro complessivo a tutta l’area, che è tra le più importanti, sul piano turistico, della città, proprio perché è una delle porte d’accesso al mare. Dopo il primo intervento dell’anno scorso, con cui è stata bitumata una parte di via Vespucci, con sistemazione dell’area parcheggio, quest’estate completeremo gli interventi restituendo dignità di strada anche alle traverse su cui insistono alcuni lidi. Verranno effettuate le fresature di parti di asfalto, ricolmatura delle buche, e verranno bitumate altre strisce, alcune addirittura fino ad oggi in terra battuta».

Il corsivo | Una generazione di lordazzi e quella spiaggia off-limits

Russo aggiunge poi che «i lavori sono stati disposti dopo una apposita riunione in Prefettura ed un’ordinanza della Capitaneria di porto». L’obiettivo, quindi, «non è solo quello di rimuovere, come già fatto, la sabbia delle mareggiate, ma di restituire decoro urbano a tutta via Vespucci, come tra l’altro segnalato da diversi articoli da voi pubblicati. Verrà risistemato anche tutto il muretto posto nell’ultimo tratto della via, molto frequentato dai nostri giovani, ed apposta in tutta la via la segnaletica orizzontale e verticale. Ovviamente – conclude l’assessore – i lavori sono stati quantificati con il prezzario regionale e affidati seguendo il codice degli appalti».

I lordazzi si sono presi il territorio e stanno cacciando noi e lo Stato

top