Cavallaro nel Cnel, il plauso del sottosegretario Gentile

Per l’esponente del governo Gentiloni si tratta di «un segnale destinato a far comprendere quanto sia fortemente in ascesa la spinta propulsiva della Calabria»

Per l’esponente del governo Gentiloni si tratta di «un segnale destinato a far comprendere quanto sia fortemente in ascesa la spinta propulsiva della Calabria»

Informazione pubblicitaria
Il senatore Antonio Gentile
Informazione pubblicitaria

«La prestigiosa e autorevole nomina del Segretario Generale della Cisal, Francesco Cavallaro, nel Consiglio nazionale del Cnel è un segnale destinato a far ben comprendere quanto sia fortemente in ascesa la spinta propulsiva della Calabria che cambia in un’Italia che guarda al conseguimento delle più eccellenti postazioni del sindacato nel mondo del lavoro, dell’economia, delle professioni e della cultura del confronto e della mediazione».

Informazione pubblicitaria

A riferirlo in una nota è il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonio Gentile, il quale, nel mettere in evidenza «un impegno che ha favorito la conquista di una forte e concreta considerazione volta a far assurgere la Cisal a Confederazione di rango internazionale», rileva come Francesco Cavallaro sia «l’unico calabrese eletto nel Cnel per il quinquennio 2017/2022 e rappresenta la punta d’orgoglio di un’organizzazione diventata competitiva a tutti i livelli. La straordinaria esperienza maturata anche nelle continue battaglie ingaggiate sui tavoli della Cesi a Bruxelles gli hanno permesso di discutere e conquistare esaltanti affermazioni nella lotta sui grandi temi del confronto sindacale europeo».

La nomina di Cavallaro, aggiunge in conclusione Gentile, «è stata sottolineata da un susseguirsi di messaggi di congratulazioni provenienti da ogni articolazione della pubblica attività politica, istituzionale e non, ed intesi ad evidenziare la ricca personalità e il forte carattere sindacale di un leader che da anni aiuta la Calabria ad emergere dal pressapochismo e a proiettare nuove speranze per una società che crede fermamente nella tempra dei suoi uomini di grande talento».

LEGGI ANCHE:

Nuovo Cnel: il sindacalista vibonese Franco Cavallaro (Cisal) nel Consiglio nazionale