Vazzano, la denuncia dell’opposizione: «Bilancio di previsione inattendibile»

I consiglieri del gruppo “Vazzano bene comune” scrivono a Corte dei conti e Prefettura segnalando diverse «perplessità relative agli atti contabili portati all’esame del consiglio comunale»

I consiglieri del gruppo “Vazzano bene comune” scrivono a Corte dei conti e Prefettura segnalando diverse «perplessità relative agli atti contabili portati all’esame del consiglio comunale»

Informazione pubblicitaria
Il Comune di Vazzano
Informazione pubblicitaria

«Nell’ultima seduta di consiglio comunale abbiamo sollevato alcune perplessità relativamente agli atti contabili portati all’esame del consesso. A nostro modo di vedere l’operato dell’Amministrazione, priva di un responsabile del servizio finanziario (incarico rivestito dal sindaco Vincenzo Massa), ha determinato un’inattendibilità del bilancio di previsione non eseguendo delle operazioni obbligatorie per la corretta tenuta dei conti quali l’assestamento generale di bilancio e la salvaguardia degli equilibri di bilancio».

Informazione pubblicitaria

A dirlo, in una breve nota, è il gruppo consiliare d’opposizione “Vazzano bene comune”. «In parole povere – evidenziano i consiglieri – abbiamo riscontrato grossolani errori contabili, che si concretizzano potenziali fattori di squilibrio e, quindi, l’impossibilità di assicurare le necessarie coperture finanziarie agli accantonamenti obbligatori (Fondo crediti dubbia esigibilità, quota annuale del disavanzo straordinario, fondo passività potenziali), tali da pregiudicare il regolare assolvimento dei servizi indispensabili, e concretizzando tutti gli elementi utili e fattuali per il verificarsi a breve o medio termine un grave squilibrio di bilancio».

A tal proposito, un’articolata nota è stata inoltrata al revisore dei conti, alla Sezione regionale di controllo della Corte di conti per la Regione Calabria, alla Prefettura di Vibo Valentia. Nel dettaglio, i consiglieri segnalano la Variazione di bilancio effettuata attraverso le delibere di Giunta (n. 37 del 13 luglio scorso) e di Consiglio (n. 26 del 28 luglio); Delibera di Consiglio per la salvaguardia degli equilibri di bilancio e assestamento generale di bilancio (del 28 luglio); l’assestamento generale di bilancio.