Nicotera, il vicepresidente della Regione Spirlì in visita istituzionale

L’esponente della Giunta Santelli è stato ricevuto dal sindaco Marasco che lo ha accompagnato in un tour alla scoperta delle bellezze della cittadina. Soddisfazione anche dal consigliere Macrì
L’esponente della Giunta Santelli è stato ricevuto dal sindaco Marasco che lo ha accompagnato in un tour alla scoperta delle bellezze della cittadina. Soddisfazione anche dal consigliere Macrì
Informazione pubblicitaria

Visita istituzionale del vicepresidente della Giunta regionale Nino Spirlì a Nicotera. L’esponente del governo regionale, su invito dell’amministrazione comunale, è stato accolto ieri mattina dal sindaco Giuseppe Marasco e dalla sua squadra di governo, in una visita di circa tre ore alla quale ha preso parte anche il consigliere regionale Vito Pitaro.

La delegazione comunale, guidata da Pino Leone, in duplice veste di consigliere comunale e cicerone, ha condotto Spirlì alla scoperta dei luoghi di maggior interesse storico-culturale della cittadina: da piazza Santa Caterina alla Giudecca, dalla cattedrale normanna al Museo diocesano di arte sacra, da corso Cavour al quartiere del Baglio. Ultima tappa del tour è stato il Palazzo Municipale, ospitato nel seicentesco convento dei Domenicani, dove al vice presidente è stato donato il catalogo del museo diocesano e un cestino di prodotti tipici locali di quella che è pur sempre la città per antonomasia della Dieta mediterranea. 

Da Spirlì, parole di ammirazione e la promessa di un ritorno per approfondire assieme agli amministratori alcuni dei temi trattati durante l’incontro. Piena soddisfazione è stata espressa dal sindaco Marasco per il quale «la vista è un segnale di attenzione verso una città che ha grandi potenzialità sul piano turistico e culturale e che ricomincia a tornare al centro dell’agenda politica e amministrativa regionale dopo anni di assenza». 

Soddisfatto anche il consigliere comunale e coordinatore provinciale Lega Giovani, Antonio Macrì. «Il nostro obiettivo – ha detto – è quello di portare a conoscenza dei livelli istituzionali superiori le potenzialità del territorio, in modo da prepararci alle sfide future che ci aspettano senza rimanere sempre indietro come è successo negli anni passati. Questa è stata una prima visita ma ne seguiranno altre mirate a intercettare vari punti di intervento per far rinascere Nicotera e le sue meraviglie storiche e culturali».