Speciale elezioni | A Cessaniti Mazzeo va a caccia del bis: «Ecco perché meritiamo fiducia»

Il sindaco uscente si ripropone al giudizio degli elettori: «Dalla differenziata ai lavori pubblici abbiamo impresso una svolta»
Il sindaco uscente si ripropone al giudizio degli elettori: «Dalla differenziata ai lavori pubblici abbiamo impresso una svolta»
Informazione pubblicitaria
Francesco Mazzeo
Informazione pubblicitaria

Sono tre gli aspiranti sindaci in vista della prossima tornata elettorale a Cessaniti. Si tratta di Francesco Mazzeo,  Francesco Altieri e Pasquale Valenti. In particolare Mazzeo, sindaco uscente, è a caccia del bis avendo conquistato la fascia tricolore nelle elezioni amministrative del 2015.

Informazione pubblicitaria

La lista

In campo con la lista “Cessaniti nel cuore”, la squadra è stata composta partendo da persone con  collaudata esperienza alle quali si sommano nuovi innesti in grado di garantire alla macchina amministrativa solidità e vivacità. Così, ai volti storici (come Rocco Gallucci e Laura Natale) si aggiungono nuove leve tra cui: Antonio Nicolino, Antonio Mazzitelli e Michele Malara. Alcuni sono studenti universitari: «È la mia ultima “chiamata” – fa presente Mazzeo – dopo dovrò osservare uno stop, come previsto dalla legge. Per questo, la squadra che abbiamo composto mira a lasciare gente con esperienza».

I candidati alla carica di consigliere comunale sono: Andrea De Rito, Rocco Gallucci, Francesca Lucifero, Michele Malara, Nicola Letterio Mazzeo, Antonio Mazzitelli, Domenico Miceli, Daniele Natale, Laura Natale, Antonio Nicolino, Nicola Pugliese ed Enrico Giuseppe Sorrentino.

Dalla differenziata ai lavori pubblici

I candidati della lista Cessaniti nel cuore

Ma cos’è cambiato rispetto alla precedente chiamata alle urne? E quali sono i problemi che la nuova giunta comunale dovrà affrontare?

«Nel 2015 – fa presente il sindaco uscente – ho trovato un Comune in grande difficoltà per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti e la differenziata. Il porta a porta non c’era ancora. Un passo per volta, abbiamo introdotto il nuovo servizio e siamo riusciti a raggiungere ottimi risultati. Dal 45 per cento di raccolta differenziata, registrato nel 2016, al 55 per cento raccolto nel 2019. Il nostro obiettivo – sottolinea Mazzeo – è raggiungere il 65 per cento». Tra i traguardi raggiunti, il sistema di pubblica illuminazione: «Grazie ai finanziamenti che siamo riusciti ad ottenere, Cessaniti e frazioni si è convertita al led con risparmi del 50 per cento».

La carenza d’acqua

Ma ci sono anche criticità che, rispetto agli anni passati, non si è riusciti a risolvere in maniera incisiva: «Mi riferisco – conferma – alla carenza idrica soprattutto a Pannaconi e Cessaniti. Problemi annosi da risolvere necessariamente con pozzi nuovi». E ci sono obiettivi, poi, rimasti sospesi: «Volevamo mettere “ordine” all’interno dei nostri centri. E parlo soprattutto di manutenzione delle vie, segnali stradali, segnaletica e numeri civici». Alcuni importanti progetti sono stati portati avanti e concretizzati come i parco giochi e i lavori nelle scuole: «Abbiamo cercato di canalizzare tutte le risorse disponibili, i risultati ci sono stati», continua ancora Mazzeo sottolineando che, in questa fase di crisi dei Comuni, con i singoli bilanci si fa ben poco. Nella maggior parte dei casi, si riesce a gestire i servizi essenziali «come la mensa e il pagamento dei dipendenti comunali. Ma non vi sono risorse neanche per coprire una buca».

I punti salienti del programma

Il Municipio di Cessaniti
Il Comune di Cessaniti

Il programma punta anche al miglioramento della viabilità: «Bisogna continuare il lavoro sinergico con la Provincia e la Regione Calabria, insistendo per avviare un percorso di risanamento strutturale della rete stradale di propria competenza. Nonché – continua il candidato a sindaco – concludere l’estensione della rete del metano in tutte le frazioni». Inoltre, si intende avviare un processo di rinvigorimento culturale tramite iniziative in grado di coinvolgere anche i comuni limitrofi. Altro settore sul quale metter mano, infine, riguarda l’opera di miglioramento dell’apparato burocratico del Comune, attraverso la riorganizzare degli Uffici rendendoli più funzionali, evitando, così disagi alla popolazione ed alle imprese operanti sul territorio; la riqualificazione del personale dipendente; e la razionalizzare le spese di gestione degli uffici.

Sul perché votare Francesco Mazzeo, il primo cittadino uscente chiosa: «Abbiamo dato dimostrazione di essere sempre presenti, in ogni evenienza, dalla più grande alla più piccola problematica. Inoltra abbiamo acquisito quelle competenze in grado di garantire l’amministrazione del Comune. Meritiamo la fiducia degli elettori».