martedì,Giugno 15 2021

Revoca dell’assessore Pacienza, il Pd: «Il sindaco spieghi o sarà omertoso»

La Federazione provinciale, il Coordinamento cittadino e il gruppo consiliare invitano Maria Limardo a «chiarire pubblicamente le reali motivazioni che hanno portato alla revoca»

Revoca dell’assessore Pacienza, il Pd: «Il sindaco spieghi o sarà omertoso»

«Le parole pronunciate pubblicamente più volte dal sindaco Maria Limardo, dirette ad evocare concetti come la trasparenza e la legalità, s’infrangono alla prova dei fatti. In altri termini, ai fatti non corrispondono i comportamenti. Non appare, pertanto, possibile revocare un assessore con deleghe importantissime come quelle al commercio e agli affari legali dichiarando “che è venuto meno il rapporto fiduciario” senza specificare le motivazioni reali che hanno determinato tale decisione. Si tratta di incarichi pubblici e di processi che la città ha il dovere di conoscere. Pertanto, il sindaco deve immediatamente chiarire pubblicamente le reali motivazioni che hanno portato alla revoca di Pacienza e, qualora ci fossero situazioni anomale, deve renderle pubbliche. Diversamente il suo atteggiamento è “omertoso”. La invitiamo a dare pubbliche spiegazioni in consiglio comunale. Questo significa essere trasparenti nei fatti e non solo “a parole”». È quanto scrivono in una nota congiunta la Federazione provinciale, il Coordinamento cittadino e il gruppo consiliare del Partito democratico di Vibo Valentia.

Comune di Vibo e “caso” Pacienza: autogoal di un’Amministrazione che naviga a vista

top