giovedì,Giugno 17 2021

Pazienti post Covid a Serra, l’Asp: «Adottate tutte le misure di prevenzione»

L’azienda sanitaria precisa di aver gestito il caso dei tre ex ospiti della Domus aurea con un protocollo improntato alla massima sicurezza e di aver predisposto il tampone per operatori e degenti

Pazienti post Covid a Serra, l’Asp: «Adottate tutte le misure di prevenzione»

Arrivano le precisazioni dell’Azienda sanitaria di Vibo Valentia in ordine al ricovero di tre pazienti post-Covid nel reparto di lungodegenza dell’ospedale di Serra San Bruno. Il Dipartimento tutela della salute della Regione Calabria, spiega l’Asp vibonese, «ha chiesto a questa azienda di disporre il ricovero, nella Rsa di Soriano, di tre pazienti già ospiti della Rsa Domus aurea di ChiaravalleCentrale e provenienti dal Policlinico di Catanzaro dove si trovavano ricoverati da circa 20 giorni».

A corredo della richiesta, «il Dipartimento tutela della salute ha inviato dettagliata relazione clinica dalla quale si evince che si tratta di pazienti guariti e dimissibili e ai quali erano stati effettuati due tamponi risultati negativi (Circolare dell’Istituto superiore di sanità del 28/2/2020: Documento relativo alla definizione di “Paziente guarito da Covid-19” e di “Paziente che ha eliminato il virus SARS-CoV-2”). Trattandosi comunque di pazienti convalescenti – si chiarisce – si è ritenuto opportuno, dopo aver informato con congruo anticipo il Dipartimento Tutela della salute regionale, disporre temporaneamente il ricovero nell’unico ospedaleSerraSanBruno – ove è presente la Lungodegenza. Ciò al fine di consentire un inquadramento clinico più approfondito prima di un eventuale trasferimento degli stessi ad altro regime assistenziale». [Continua]

L'Asp di Vibo Valentia

I pazienti, aggiunge l’Asp, «sono stati ricoverati in ambiente ospedaliero e nei posti letto disponibili senza alcuna modifica organizzativa dell’unità operativa e dell’ospedale. In una logica regionale di garantire l’assistenza ed avendo disponibilità di posti letto, l’Azienda non si poteva esimere dall’accettare il trasferimento di pazienti guariti. Nonostante il contenuto della documentazione sanitaria rilasciata dal Policlinico Mater Domini di Catanzaro relativa alle dimissioni degli anziani fosse da un punto di vista clinico rassicurante, si è scrupolosamente ritenuto, prima di ricoverare gli stessi all’interno del reparto di Lungodegenza, isolarli in due stanze separate e sottoporli ad un ulteriore tampone.

Ovviamente, in tutte le varie fasi del percorso ospedaliero sono state adottate le misure previste dai protocolli relativi alla gestione dell’emergenza Covid-19, ponendo in essere tutte le misure di prevenzione indicate».

In particolare, prosegue l’Asp di Vibo, «tutti gli operatori che sono entrati in contatto con i soggetti interessati, erano dotati dei Dispositivi di protezione individuali (tute, copricapo, mascherine, calzari etc.). Appena conosciuto l’esito dei tamponi, la paziente risultata positiva è stata trasferita al Policlinico universitario di Germaneto dal quale proveniva, mentre gli altri due sono stati ricoverati presso il reparto di malattie infettive del Presidio ospedaliero di Vibo dove già si trovano altri tre ex ospiti sempre della Domus Aurea, risultati negativi ad un doppio tampone e che avevano già lasciato Germaneto. Contestualmente si è proceduto ad effettuare il tampone per tutti i ricoverati in lungodegenza e a programmare l’effettuazione dei tamponi anche al personale sanitario assegnato».

Quindi si rassicura: «Pur comprendendo le legittime preoccupazioni dei cittadini serresi è possibile affermare, alla luce delle procedure adottate, che la scrupolosa attenzione del management di questa Azienda sanitaria nella gestione del caso in questione ha permesso di mettere in sicurezza i pazienti e gli operatori sanitari e ridurre al minimo il rischio che avrebbe potuto determinare non poche apprensioni per tutta la popolazione residente nel territorio serrese».

Pazienti post-Covid verso il trasferimento da Serra a Vibo

top