venerdì,Aprile 19 2024

Inflazione, prezzi accelerano in tutte le regioni del Bel Paese: il dato in Calabria

Lo indicano i dati dell'Istat sui prezzi dei beni al consumo. Tutte le ripartizioni geografiche registrano un'inflazione sostenuta

Inflazione, prezzi accelerano in tutte le regioni del Bel Paese: il dato in Calabria
(Foto Agi)

L’accelerazione dell’inflazione che caratterizza in Italia il 2022 (+8,1% la media d’anno) si riscontra in tutte le aree geografiche e in tutte le regioni, tra le quali vede in testa la Sicilia (+9,7%) e in coda la Valle d’Aosta (+6,9%). Lo indicano i dati dell’Istat sui prezzi dei beni al consumo. Tutte le ripartizioni geografiche registrano un’inflazione sostenuta e in accelerazione rispetto a quella del 2021: le Isole (da +2,2% nel 2021 a +9,7%), il Nord-Est (da +2,0% a +8,6%), il Sud (da +2,1% a +8,2%), il Centro e il Nord-Ovest (da 1,7% per entrambe rispettivamente a +7,9% e a +7,8%, al di sotto, quindi, del dato nazionale). A livello regionale sono undici le regioni (Sicilia, Trentino Alto Adige, Sardegna, Liguria, Abruzzo, Puglia, Umbria, Veneto, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Toscana) nelle quali l’inflazione del 2022 risulta più ampia di quella nazionale; in Calabria è pari al dato nazionale, mentre si attesta al di sotto la crescita dei prezzi al consumo nelle restanti otto regioni (Campania, Lombardia, Lazio, Marche, Molise, Piemonte, Basilicata, Valle d’Aosta).

Nel solo mese di dicembre scorso, indica inoltre l’Istat, l’inflazione si conferma al di sopra del dato nazionale (+11,6% su base annua) nelle Isole (in rallentamento da +14,1% a +13,9%) e al Sud (stabile a +11,7%), mentre è al di sotto al Nord-Est (in decelerazione da +11,8% a +11,5%), al Nord-Ovest (stabile a +11,4%) e al Centro (in rallentamento da +11,5% +11,0%). Tra i capoluoghi delle regioni e delle province autonome e tra i comuni non capoluoghi di regione con più di 150mila abitanti, l’inflazione più elevata si osserva a Catania (+14,7%), Palermo (+14,6%) e Messina (+13,9%), mentre le variazioni tendenziali più contenute si registrano a Potenza (+9,2%) e Aosta (+8,5%).

Anteprima in una nuova scheda

LEGGI ANCHE: Fuga dalla campagna: il Vibonese tra le province con il dato più alto di abbandono

Nel Vibonese meno nascite e giovani, ma più anziani: ecco i dati di una popolazione che cambia

Articoli correlati

top