lunedì,Giugno 21 2021

La magia del Natale nel presepe vivente dell’asilo nido di Vibo

Le scene della Natività rappresentate grazie al contributo dei bambini, del personale e dei genitori

La magia del Natale nel presepe vivente dell’asilo nido di Vibo

Manifestazione speciale quest’anno all’asilo nido comunale di Vibo Valentia con la rappresentazione della Natività grazie al contributo di piccoli attori, i bambini, e alla dedizione e all’esperienza del personale che ha allestito le sezioni con scenari realizzati direttamente nell’asilo. Degna di nota è stata anche l’opera dei genitori che hanno fattivamente collaborato nella realizzazione della stessa fornendo vestiti, accessori e cimeli di altri tempi. «La manifestazione – fa saper la cooperativa ViboSalus che gestisce l’asilo – ha avuto come filo conduttore la semplicità e umiltà con le quali Dio si è mostrato a noi mediante la nascita di Gesù nella precarietà di Betlemme; virtù innate nei bambini che il trascorrere degli anni ne determina, talvolta, l’affievolimento, ma che, tuttavia, ancora oggi, siamo chiamati a manifestare nel nostro agire quotidiano: “In verità vi dico: se non cambiate e non diventate come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Chi pertanto si farà piccolo come questo bambino, sarà lui il più grande nel regno dei cieli. E chiunque riceve un bambino come questo nel nome mio, riceve me…”.

In una sezione è stata realizzata la Natività, con i suoi personaggi principali, Gesù bambino, Maria, Giuseppe, mentre nelle altre sono stati ricreati scorci di vita quotidiana di altri tempi, sconosciuta ai bambini, con ambientazioni e abbigliamento rurale che ha visto la presenza di pastori, pecorelle e di figuranti gli antichi mestieri quali la lavandaia, il fruttivendolo, la massaia e il fornaio. «In un clima di festa i piccoli attori hanno egregiamente messo in scena, ciascuno il proprio personaggio, in casette di legno con fiocchi di cotone, caminetti, bracieri, zampogne di cartone e tanti altri oggetti, mentre una lucente cometa, accompagnata dalle dolci melodie natalizie, indicava la grotta di Betlemme e la nascita del Bambinello Gesù. Forti emozioni e tanta gioia – conclude la cooperativa – sono stati manifesti negli occhi pieni di commozione e tenerezza dei presenti, in particolar dei genitori e dei nonni». Al termine della Natività la festa è continuata con il tradizionale arrivo di Babbo Natale che ha ancor di più allietato i bambini.

top