sabato,Maggio 25 2024

Coronavirus, le testimonianze dei vibonesi al Nord: «Come in un film ma siamo fiduciosi»

Strade semideserte, scuole chiuse e attività culturali cancellate. Come vivono l’emergenza legata alla diffusione del virus tanti cittadini originari del Vibonese? Lo raccontano loro sui social

Coronavirus, le testimonianze dei vibonesi al Nord: «Come in un film ma siamo fiduciosi»
Piazza Duomo a Milano

Come stanno vivendo i vibonesi al Nord l’emergenza coronavirus? Il virus partito dalla lontana Cina, unisce e al contempo divide l’Italia. Dalle zone rosse, alla fuga dai focolai, passando per l’assalto ai supermercati, le speculazioni sull’acquisto di disinfettanti e mascherine, i voli cancellati, le scuole chiuse per settimane. Sono questi e molti altri i volti di un’emergenza che in poche settimane ha stravolto il modo di vivere dei cittadini. E mentre l’attrezzato Nord affanna e conta centinaia e centinaia di pazienti risultati positivi ai test, al Sud – almeno in termini numerici – la situazione appare un po’ più tranquilla. [Continua]

Le testimonianze dei vibonesi al Nord

Sono tantissimi i vibonesi che per motivi di lavoro, studio o questioni di salute si trovano costretti nelle regioni settentrionali in grandi città improvvisamente svuotate di ogni cosa: di cultura, di socialità, di vita. E c’è anche chi, proprio a causa dei voli cancellati, non riesce a rientrare al Sud. Le testimonianze viaggiano veloci attraverso la rete e vengono raccontate sui social. Nel gruppo “la voce di Vibo Marina e delle Marinate”, che conta oltre 5mila membri, in molti descrivono la loro mutata quotidianità. Come tantissimi tasselli di un puzzle, si ricostruisce la vita di tanti compaesani al Nord.

Coronavirus, il Governo chiude tutte le scuole e le università fino a metà marzo

«A Trieste – commenta un utente – scuole e università chiuse. Gli impianti sportivi rimangono aperti ma in giro c’è un pò meno gente e di conseguenza ne risentono i piccoli e medi commercianti». C’è chi invece parla da Milano: «Centro commerciali e negozietti chiusi mentre in ospedale si entra dalle 12 alle 14 e poi la sera dalle 18 alle 20. Sono molto severi», oppure da Torino: «Allerta rossa e scuole chiuse», scrivono. Ancora in Lombardia, a Como la situazione viene descritta come “pesante” con strade semivuote e chiusura delle attività. Medesimi sentimenti attraversano Bergamo: «Si respira tensione – dicono gli utenti aggiungendo – tre persone su cinque indossano la mascherina e si fa molta attenzione alle distanze. Strade poco trafficate e locali semideserti». Una situazione da film, come specifica qualcun altro nei messaggi: «nei supermercati tanti scaffali vuoti, si esce solo per necessità».

La situazione nei pressi delle zone rosse

Casi limite nei pressi delle zone rosse: «La gente si guarda male e c’è paura anche solo di tossire se qualcosa va di traverso», testimoniano.

Anche a Bologna si cerca di evitare luoghi affollati: «Si va avanti con un pò di cautela», afferma un membro del gruppo. Da Treviso segnali positivi: «Qui poco allarmismo. La situazione non è così grave come dicono in tv, è tutto sotto controllo». Sulla stessa scia i commenti che giungono da Padova: «In ambulatorio da me si lavora con cautela, si entra singolarmente e si filtrano i pazienti. Grazie ai programmi, inoltre, i farmaci arrivano in farmacia in tutto il Veneto». Quadro sereno anche in Toscana e in Lazio: «Per precauzione seguiamo le direttive governative», assicura un’altra utente. Ancora in Emilia Romagna segnalato qualche disagio: «Ci sono stati dei morti, cinema ed eventi sospesi, scuole chiude. La situazione non è tanto normale soprattutto per i genitori che lavorano». A Pavia invece « il lavoro è calato vertiginosamente e metà personale è stato lasciato a casa per un tempo ancora da definire». Quanto emerge dalle conversazioni social, insomma, è una fotografia reale di come viene percepita l’emergenza. Dall’inevitabile sentimento di timore e spaesamento, alla speranza che questa difficile fase, con un po’ di pazienza, potrà essere superata.

Coronavirus, l’Asp di Vibo recluta nuovi medici e infermieri

Coronavirus, chiesta disinfezione di tutte le scuole della provincia

Coronavirus Calabria, i vescovi sospendono anche catechismo e oratori

Articoli correlati

top