Piegati dal Covid con un figlio in arrivo, gara di solidarietà per una coppia di Ionadi

In gravi difficoltà economiche a causa delle conseguenze del lockdown, e in attesa di un nascituro, la loro condizione è stata presa a cuore dal Movimento cristiano lavoratori che ha promosso una raccolta fondi
In gravi difficoltà economiche a causa delle conseguenze del lockdown, e in attesa di un nascituro, la loro condizione è stata presa a cuore dal Movimento cristiano lavoratori che ha promosso una raccolta fondi
Informazione pubblicitaria

Ecco una storia da libro Cuore che ci piace raccontare. Per fortuna una delle tante pagine solidali che questa sparuta terra di Calabria ha permesso di scrivere in questi giorni di pandemia da Covid-19. In questo caso si tratta di una raccolta fondi per aiutare una famiglia di extracomunitari residente nel comune di Ionadi. La coppia sta attraversando un periodo di crisi economica, accentuato negli ultimi mesi dal propagarsi del coronavirus e dal conseguente periodo di lockdown. Le difficoltà, tra l’altro, giungono in un momento particolare, quando in casa ci si prepara ad accogliere l’arrivo di un nuovo pargolo. [Continua]

Da qui la bella idea del presidente della sezione provinciale del Movimento cristiano lavoratori Giuseppina Fuscà, del segretario Salvatore Crupi e degli altri soci della realtà vibonese di terzo settore, i quali venuti a conoscenza della situazione emergenziale hanno deciso di promuovere sul territorio una raccolta fondi per permettere ai coniugi di avere a disposizione tutto il necessario per la nascitura. E la cittadinanza di Ionadi, e non solo, a conti fatti ha risposto alla grande. Nel giro di pochi giorni si è innescata una gara solidale che per tale nobile scopo ha permesso di raccogliere oltre mille euro, da spendere in un negozio di abbigliamento per neonati della zona.

Una somma non da poco, visto il momento di crisi, che consentirà alla coppia di extracomunitari di trascorrere in modo più sereno gli ultimi giorni di gravidanza e di assicurare al proprio figlio culla, tris di passeggini, fasciatoio e tutto il resto del corredo, in vista della tanto sospirata sua nascita. L’iniziativa benefica, così come sottolineato dai vertici del Movimento cristiano lavoratori, si è avvalsa della preziosa collaborazione dell’associazione animalista Argo di Vibo Valentia e dell’architetto del Comune di Ionadi Francesco Labella.