Classi accorpate a Gerocarne, il sindaco: «Evidente contraddizione»

Vitaliano Papillo: «Il diritto all’istruzione è fondamentale, l’entroterra è già penalizzato, non si può continuare così»
Vitaliano Papillo: «Il diritto all’istruzione è fondamentale, l’entroterra è già penalizzato, non si può continuare così»
Informazione pubblicitaria
Il sindaco di Gerocarne Vitaliano Papillo
Il sindaco di Gerocarne Vitaliano Papillo
Informazione pubblicitaria

«Apprendo con profondo rammarico ed infinita tristezza la notizia che per il prossimo anno scolastico a Gerocarne saranno accorpate seconda e terza media». È il commento del sindaco Vitaliano Papillo, che invita «a fare tante riflessioni, perché la fredda legge dei numeri non può e non deve avere un’applicazione automatica e generalizzata, soprattutto quando si tratta di realtà interne e già di per se marginalizzate».

Informazione pubblicitaria

Secondo Papillo «realtà come Gerocarne sono già penalizzate dall’isolamento, da tante altre problematiche e da mille altri tagli di servizi che portano ad un sempre più massiccio abbandono degli stessi, perché non è più conveniente continuare a viverci. Non può e non deve prevalere la legge dei numeri, perché così facendo si arriva alla desertificazione della periferia a vantaggio del centro, attorno a cui, però, si crea un deserto di territori spopolati. Non può e non deve perché l’istruzione è un diritto fondamentale, alla base di quella formazione imprescindibile che porterà a creare le donne e gli uomini di domani. Non può e non deve perché poi non ci si può lamentare se le università italiane sono le meno frequentate d’Europa, con una discutibile formazione d’ingresso. Non può e non deve perché non è colpa dei piccoli comuni se ci sono sempre meno nascite ma di questa chiara ed evidente tendenza centralista che toglie sempre maggiore terreno sotto i piedi e li sottopone ad una lenta ma inesorabile eutanasia. Non può e non deve perché dappertutto lo Stato ha investito milioni e milioni di euro per dare ai nostri bambini e ragazzi istituti sicuri e confortevoli, ed è una contraddizione enorme se poi si fa di tutto per chiudere plessi che sono fiore all’occhiello di tanti centri».

Infine, secondo il sindaco di Gerocarne, la situazione è ancora più assurda alla luce di questo preciso momento storico, «quando a causa di una emergenza sanitaria planetaria viene chiesto a tutti di tenere comportamenti consoni alla situazione e di evitare assembramenti. Non può e non deve perché se anche i diritti fondamentali vengono meno diventa inutile ed avvilente continuare ad amministrare una qualsiasi realtà che vive attaccata all’ossigeno. In attesa che la bombola si esaurisca e che venga staccata definitivamente la spina».