Costa Crociere punta sulla Calabria, ma Vibo Marina dovrà ancora attendere

In mancanza di interventi di ampliamento e ammodernamento, il Porto non risulta allo stato idoneo per far attraccare navi di notevoli dimensioni
In mancanza di interventi di ampliamento e ammodernamento, il Porto non risulta allo stato idoneo per far attraccare navi di notevoli dimensioni
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il gruppo Costa Crociere ha scelto di riservare le crociere di settembre esclusivamente ad ospiti italiani con itinerari di una settimana e con scalo solo in porti nazionali per riscoprire, in sicurezza, il meglio dell’Italia. Una ghiotta occasione per far entrare anche la Calabria nel business delle crociere. Ma ad approfittarne è solo lo scalo jonico di Corigliano. Nel pacchetto delle mete italiane da visitare rientra infatti anche la nostra regione, che vedrà il primo arrivo della nave “Costa Deliziosa” il prossimo 9 settembre nel porto di Corigliano, a cui seguiranno, settimanalmente, altri tre appuntamenti previsti nei giorni 16, 23 e 30 settembre.

In un comunicato dell’Autorità portuale di Gioia Tauro si sottolinea come, per i crocieristi che hanno deciso di visitare la Calabria, le tappe saranno animate da diverse escursioni, programmate per far conoscere le bellezze paesaggistiche e culturali della regione. Tra queste è prevista la visita al parco archeologico di Sibari, al museo della liquirizia “Amarelli” e al Parco Nazionale della Sila.
La “Costa Diadema”, che salperà invece da Genova il 19 settembre con itinerario il Mediterraneo occidentale, toccherà Civtavecchia, Napoli, Palermo e Cagliari, saltando la costa tirrenica calabrese. Per il porto di Vibo Marina, al centro di località turisticamente attrattive anche a livello internazionale ma lasciato finora privo di interventi di ampliamento e ammodernamento, ci sarà ancora molto da attendere. Al momento risulta scomparso dai radar.

Informazione pubblicitaria