Riapertura scuole: Mileto, Serra, Cessaniti e Briatico rinviano al 28 settembre

La decisione dei rispettivi sindaci per consentire interventi straordinari di sanificazione degli ambienti scolastici a scopo precauzionale. Stessa scelta a Spadola e Zaccanopoli
La decisione dei rispettivi sindaci per consentire interventi straordinari di sanificazione degli ambienti scolastici a scopo precauzionale. Stessa scelta a Spadola e Zaccanopoli
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Dopo Nicotera, Stefanaconi e l’Istituto comprensivo “Vespucci” di Vibo Marina, anche Mileto, Serra San Bruno, Briatico e Cessaniti (cui si sono aggiunti Spadola e Zaccanopoli) decidono di posticipare la data di apertura del nuovo anno scolastico dal 24 al 28 settembre. Alla base della decisione dei sindaci delle comunità interessate, anche in questo caso la necessità di predisporre al meglio gli apparati di sicurezza in tema di contrasto alla pandemia da Covid-19. Nello specifico, al fine di “consentire interventi straordinari di igienizzazione e sanificazione degli ambienti scolastici a scopo precauzionale”. ​

Nel caso di Mileto, in particolare, lo spostamento dell’inizio delle attività didattiche interesserà per il momento solo le scuole dell’infanzia, la primaria e secondaria di primo grado presenti sul territorio e facenti parte dell’Istituto comprensivo statale. Rimangono fuori dall’ordinanza emanata  nelle scorse ore dal sindaco Salvatore Fortunato Giordano su richiesta del rispettivo dirigente scolastico, quindi, le classi della sezione staccata dell’Istituto tecnico economico “Galileo Galilei” di Vibo Valentia situate nell’edificio del rione Calabrò. Dopo la decisione del Governo nazionale di dare il via al nuovo anno scolastico il prossimo 24 settembre, dunque, prosegue la lotta contro il tempo dei singoli Istituti per ovviare alle varie problematiche nel termini e nella data stabiliti, in modo da consentire a docenti e resto del personale di operare al meglio e agli alunni di assistere alle lezioni in piena sicurezza,  con  il minimo rischio di contagio da Coronavirus.

A Briatico, il neo sindaco Lidio Vallone, sta predisponendo il trasferimento della scuola medie a San Costantino poiché i locali del capoluogo sono interessati da alcuni lavori. Il sopralluogo effettuato stamattina dal neo sindaco ha messo in evidenza che arredi, banchi, cattedre, non erano stati trasferiti a San Costantino ma erano rimasti a Briatico. Domani tutti gli arredi verranno portati nella sede della frazione per consentire ai ragazzi di svolgere le lezioni che, come detto, prenderanno il via lunedì 28 settembre.

Informazione pubblicitaria