Addio a Francesco Samengo, morto a Roma il presidente Unicef Italia

Il decesso all'ospedale Spallanzani per le complicanze dovute al coronavirus. Calabrese di Cassano all'Ionio, ha speso la sua vita a favore dei diritti dei bambini
Il decesso all'ospedale Spallanzani per le complicanze dovute al coronavirus. Calabrese di Cassano all'Ionio, ha speso la sua vita a favore dei diritti dei bambini
Informazione pubblicitaria

Addio a Francesco Samengo. Il presidente dell’Unicef Italia è morto questa sera all’ospedale Spallanzani di Roma a causa delle complicanze dovute al coronavirus dopo una battaglia di dieci giorni. 

«Sale in Cielo una persona per bene. Ho avuto l’onore di conoscerlo e di vedere negli ultimi due anni un impegno profondo e dedicato a favore dei bambini, in Italia e nel mondo». Queste le parole dell’editore Domenico Maduli che, insieme al direttore generale Maria Grazia Falduto, al direttore editoriale Pasquale Motta e a tutta la redazione del network LaC, si unisce al profondo dolore della famiglia del presidente Samengo, della moglie e dei due figli. 

Chi era Francesco Samengo

Nato a Cassano all’Ionio (Cosenza) il 12 agosto 1939, Francesco Samengo viveva a Roma da molti anni. Volontario Unicef da oltre 20 anni, è stato componente del Consiglio direttivo dell’organizzazione.

Dal 2001 ha ricoperto la carica di presidente del Comitato regionale della Calabria per l’Unicef riuscendo, grazie alle sue doti relazionali e organizzative, a sviluppare e incrementare l’azione dell’ente rendendola sempre più capillare attraverso risultati straordinari sia dal punto di vista dell’advocacy che della raccolta fondi.

A titolo di esempio si menzionano protocolli d’intesa con i due Tribunali per i minorenni dei distretti di Reggio Calabria e Catanzaro, gli accordi con le Prefetture provinciali, le intese con le Università della Calabria e Mediterranea di Reggio Calabria, le convenzioni stipulate con il garante regionale per l’Infanzia e l’Adolescenza, con vari Ordini professionali, con l’Ufficio scolastico regionale, con il Coni.

Laureato in Economia e Commercio, iscritto all’Albo dei dottori commercialisti e dei revisori contabili, ha ricoperto importanti ruoli manageriali ed apicali in numerose aziende pubbliche, negli ultimi anni: vicepresidente di Sviluppo Italia SpA (2003-2006), presidente di Sviluppo Italia Engineering (2003-2009), presidente dell’Istituto Sviluppo agroalimentare – Isa (2004-2006), presidente di Invitalia Reti (2008-2011), presidente di Invitalia Attività produttive (2011/2014).

Il 25 luglio 2018 è stato nominato presidente del Comitato Italiano per l’Unicef.