Vibo celebra il “Giorno del ricordo” per non dimenticare il dramma delle foibe

L’assessore comunale alla cultura Daniela Rotino ha promosso per mercoledì 10 Febbraio una serie di iniziative che saranno trasmesse su Facebook
L’assessore comunale alla cultura Daniela Rotino ha promosso per mercoledì 10 Febbraio una serie di iniziative che saranno trasmesse su Facebook
Informazione pubblicitaria

Per ricordare il dramma delle foibe e dell’esodo istriano e dalmata l’Assessorato alla Cultura, guidato da Daniela Rotino, ha organizzato una manifestazione che si svolgerà mercoledì 10 Febbraio alle ore 11,30 nella Sala Consiliare del Comune di Vibo Valentia, alla presenza del Sindaco Maria Limardo, del Presidente del Consiglio Rino Putrino e delle massime autorità istituzionali del territorio. Nel rispetto delle disposizioni anticovid, l’evento si svolgerà in diretta Facebook. È previsto in particolare un Concerto del Conservatorio “F. Torrefranca” con  Veronica Romano, flauto e Valerio Colaci, percussioni diretti dal maestro Verio Sirignano. Seguirà una performance di Irene Parisi, diretta dalla coreografa Daniela Ruggiero del Liceo Coreutico “V. Capialbi” e infine, la testimonianza video di Lucilla Crosilla una profuga istriana, ora nostra concittadina.

Dalle ore 10 saranno invece visibili sui canali social istituzionali, pagina facebook dell’Assessorato e della Biblioteca e sul sito istituzionale un contributo della Compagnia dei Guitti con gli attori Giuseppe Ingoglia, Imma Piccolo, e Francesca Gradia e le testimonianze di profughi, e di seguito un estratto del lavoro teatrale di Simone Cristicchi “#Magazzino 18” sul massacro delle foibe. Il “magazzino 18” è un  “luogo della memoria” fatto da tanti oggetti quotidiani accatastati, numerati, con una sigla, un nome e la scritta “Servizio Esodo”; “oggetti di vite interrotte dalla storia e dall’Esodo: con il Trattato di Pace del 1947 infatti, l’Italia perse vasti territori dell’Istria  e circa 300 mila persone scelsero  di lasciare le loro terre natali destinate a non essere più italiane”. Gli eventi si chiuderanno con due documentari sulle Foibe.