“Vibo in rosa”, in marcia e in bici per la lotta al tumore al seno

L’iniziativa di sensibilizzazione, promossa da Asd Monteleone Bikers e Fiab Bicinsieme di San Costantino Calabro ha riscosso successo grazie alla presenza di numerosi partecipanti

L’iniziativa di sensibilizzazione, promossa da Asd Monteleone Bikers e Fiab Bicinsieme di San Costantino Calabro ha riscosso successo grazie alla presenza di numerosi partecipanti

Informazione pubblicitaria
L'iniziativa "Vibo in rosa"

Successo per la prima edizione di “Vibo in Rosa – Insieme per prevenire”, iniziativa di sport e solidarietà in favore di tutte le donne che lottano quotidianamente contro il tumore al seno. Un evento nato dall’intuizione di due donne che da anni fanno sport e coniugano la loro attività sportiva ad iniziative che riguardano il sociale. Stefania e Carmel, rispettivamente rappresentanti della Asd Monteleone Bikers di Vibo e della Fiab Bincinsieme di San Costantino Calabro. «Un messaggio forte e chiaro – si legge in un resoconto – con un solo scopo: la prevenzione. Non solo ecografia ma anche sport e alimentazione salutare. Uno stile di vita sano che consente di vivere bene e soprattutto in salute. Sono state queste due associazioni sportive, insieme all’associazione “Susan G. Komen Italia” a promuovere l’iniziativa che si è caratterizzata per una camminata e pedalata, con percorso di andata e ritorno, partita da piazza Municipio e giunta al Castello Normanno Svevo. “Vibo in Rosa” è stata, inoltre, patrocinata da numerosi enti e all’evento hanno presenziato le autorità politico-istituzionali del territorio. A partire dal sindaco di Vibo Maria Limardo, dal presidente della provincia di Vibo, Salvatore Solano, dal questore, Annino Gargano. Presenti anche i consiglieri comunali, tra cui il  delegato allo Sport, Rino Putrino, e l’assessore alle Politiche sociali, Franca Falduto, nonché il senatore e senologo Giuseppe Mangialavori. All’evento, presentato dalla giornalista Rosita Mercatante, hanno inoltre partecipato il Cip rappresentato da Elisabetta Carioti, le società sportive di pallavolo, Callipo Sport (rappresentata da Nico Agricola e Rosita Fedele) e Todo Sport (rappresentata da Norina Dotti e da Claudio Torchia), la Snatck box strength e conditioning di Jonadi, Assunta Carrà dell’Inner wheel e Antonio Montuoro dell’Accademia della Dieta mediterranea di Nicotera. 

Il ricavato di “Vibo in rosa” è stato interamente devoluto a favore dell’associazione Susan Komen da sempre impegnata nella ricerca e rappresentata dalla pediatra Francesca Graziano: «Ringrazio chi ha organizzato questo splendido evento – ha detto quest’ultima – perché non c’è cosa migliore del connubio tra nutrizione sport. Prevenire è la base di tutto, significa promuovere la salute e questi sono i sistemi migliori perché ciò avvenga». Da Raffaele Mancuso, presidente dell’associazione Fiab Bincinsieme di San Costantino Calabro, il ringraziamento «a quanti hanno sostenuto l’organizzazione di questo evento dimostrando grande sensibilità e in particolare alle due associazioni di volontari di protezione civile Enova di San Costantino Calabro e Agriambiente di Vibo Valentia che anche in questa occasione hanno dato assistenza  a tutti i partecipanti lungo il percorso. I valori nello sport come nella vita – ha aggiunto Mancuso – non sono mai fini a se stessi, ma sempre relativi, in quanto diventano veri e credibili solo se vengono misurati per poter davvero contare insomma i valori devono essere tradotti in comportamenti in buone pratiche».