lunedì,Febbraio 6 2023

Volley, la Tonno Callipo inizia la stagione con una vittoria in casa dei lucani di Lagonegro

Recuperando per due volte un set di svantaggio, i vibonesi conquistano i primi due punti. Domenica prossima l'esordio casalingo al PalaMaiata

Volley, la Tonno Callipo inizia la stagione con una vittoria in casa dei lucani di Lagonegro
La squadra e lo staff insieme ai tifosi vibonesi al termine della gara

La Tonno Callipo Vibo Valentia inizia la corsa alla promozione in Superlega battendo la formazione lucana di Cave del Sole Lagonegro sul taraflex del Palasport Villa d’Agri a Maricovetere (Potenza). Serve una sofferta vittoria al tie break, recuperando per due volte un set di svantaggio, per mettere in cassaforte i primi due punti della stagione.
Vibo si impone grazie ai colpi risolutivi delle sue bocche da fuoco Buchegger (top scorer del match con 25 punti), Fedrizzi e Mijailovic, entrambi in doppia cifra, con 15 e 13 punti, e dell’esperto centrale Tondo che con i suoi servizi velenosi e i suoi 11 punti (dei quali 4 a muro) ha dato un contributo fondamentale al primo exploit stagionale. La formazione lucana è stata una lontana parente di quella vista nelle due precedenti sfide di pre-season andando vicinissima ad una clamorosa vittoria trascinata dall’opposto Pereira Da Silva autore di 24 punti e dei due schiacciatori Lecat e Panciocco che hanno messo a terra 13 palloni.
Coach Douglas lascia precauzionalmente a riposo il libero Cavaccini schierando il giovanissimo Carta e propone la diagonale Orduna-Buchegger, al centro della rete Candellaro e Tondo, in posto-4 Fedrizzi e Mijailovic. Dall’altra parte il tecnico Barberio, che in extremis deve rinunciare al palleggiatore Izzo sostituito da Mastrangelo, completa il sestetto con il brasiliano Pereira nel ruolo di opposto, i giovani Biasotto Manuel e Bonola al centro, Capitan Lecat e Panciocco in banda e il libero El Moudden. [Continua in basso]

PRIMO SET: Fin dalle fasi iniziali del set Vibo appare in difficoltà sia a muro che a ricezione non riuscendo quasi mai a fermare uno scatenato Pereira (8 punti con un positivo 64% in attacco) ed anche il gioco offensivo non è abbastanza fluido. Sia Fedrizzi che Mijailovic sono partiti con il freno a mano tirato per poi uscire con autorevolezza alla distanza. I biancorossi sono sempre in vantaggio (4-2, 7-4, 16-9, 21-14), riescono a contenere il ritorno dei giallorossi per poi chiudere sul 25-19.

SECONDO SET: Il trend non sembra cambiare all’inizio del secondo parziale (8-4 per i padroni di casa) ma poi i colpi in attacco di Buchegger e il servizio di Tondo danno la scossa ai giallorossi per riemergere. Vibo aggancia i lucani sull’8 pari per poi piazzare il primo allungo con Mijailovic e Terpin (schierato titolare al posto di Fedrizzi) fino al 16-12 e 21-16. Coach Barbiero chiama time out ma non sembra sortire effetti. È la formazione giallorossa a dettare legge: prima una pipe di Mijailovic e poi un muro imperioso su Panciocco portano il punteggio sul 17-24. Un mani out trovato da Buchegger chiude il set 17-25. [Continua in basso]

TERZO SET: Nel terzo parziale Vibo ringalluzzita dalla parità parte con il piede giusto (8-7) ma poi l’incisività in attacco di Da Silva di e capitan Lecat consentono ai padroni di casa di fare gara di testa sul 16-12 e 21-18. Nell’incandescente rush finale un errore in battuta di Boscardini e due attacchi vincenti di Buchegger rimettono il set in perfetto equilibrio (23-23). Un ace di Fedrizzi consente ai giallorossi di conquistare il primo set point. Nella roulette russa dei vantaggi Vibo per ben tre volte ha la possibilità di chiudere il parziale a proprio favore ma i lucani continuano a rispondere colpo sul colpo trovando gli acuti finali per la spallata decisiva con De Silva (27-26) e Lecat (28-26) e un muro imperioso su Buchegger.

QUARTO SET: In maniera inaspettata sotto per due set a uno i ragazzi di Cezar Douglas non smarriscono la strada trovando il break già dalle prime fasi (8-5) per poi allungare sul 16-9 e 21-12 e chiudere in surplace sul 25-15.

QUINTO SET: Nel parziale conclusivo dopo un avvio equilibrato (5-4) Vibo allunga sul 10-6 e 12-8, ma i lucani raschiano sul fondo del barile le ultime energie per ricucire il distacco e lo fanno con due ace di Panciocco (11-12). Nel testa a testa finale è Vibo ad avere la meglio chiudendo sul secondo match point con un imperioso attacco di Fedrizzi.

Domenica prossima 16 ottobre alle ore 18:00 è previsto l’esordio casalingo al PalaMaiata con Grottazzolina.

Il tabellino

Cava del Sole Lagonegro – Tonno Callipo Vibo Valentia 2–3Parziali: 25–19/ 17–25/ 28–26/ 15–25/ 13–15/

LAGONEGRO: Mastrangelo 2, Pereira Da Silva 24, Biasotto Manuel 1, Bonola 5, Lecat cap. 13, Panciotto 13, El Moudden (L1, 58% positiva, 42% perfetta); Biasotto Morgan, Orlando Boscardini 3Armenante, Izzo n.e., Azaz El Saydy n.e., Di Carlo (L2) n.e., Poccia n.e.. Allenatore: Mario Barbiero; Assistent coach: Dino Viggiano

T.C.VIBO VALENTIA: Orduna cap. 1, Buchegger 25, Candellaro 8, Tondo 11, Mijailovic 13, Fedrizzi 15, Carta (L1, 38% positiva, 24% perfetta); Terpin 4, Tallone 1, Cavaccini (L2) n.e., Piazza n.e., Balestra n.e, Bellia n.e., Bellluomo n.e.. Allenatore: Cesar Douglas; Assistent coach: Francesco Racaniello

ARBITRI: Gasparo Mariano di Agropoli e Autori Enrico di Salerno

Note– LAGONEGRO: aces 8, battute sbagliate 16, muri vincenti 9, errori 37; attacco 41%, ricezione 50%–28%, punti realizzati: 61; VIBO VALENTIA: aces 8, battute sbagliate 22, muri vincenti 11, errori 32; attacco 54%, ricezione 48%–30%, punti realizzati: 78; durata set: 25’, 28’, 38’. 25’, 23’. Totale: 139 minuti

Articoli correlati

top