In pellegrinaggio alla Madonna della Catena, Bicinsieme presente all’appuntamento

Il “Giro della Catena” da Mileto a Dinami, giunto alla nona edizione, ha registrato anche quest’anno la partecipazione di diversi ciclisti

Il “Giro della Catena” da Mileto a Dinami, giunto alla nona edizione, ha registrato anche quest’anno la partecipazione di diversi ciclisti

Informazione pubblicitaria
Il gruppo Bicinsieme di San Costantino

Si è svolta ieri, domenica 10 luglio, la nona edizione del “Giro della Catena”, pellegrinaggio ciclistico organizzato dal gruppo Kata Club di Mileto guidato da Saverio Catagnoti, che ha condotto i partecipanti fino al santuario della Madonna della Catena in Dinami.

«Un’allegra pedalata – la descrivono i partecipanti del gruppo “Bicinsieme, paesaggi in movimento” di San Costantino Calabro – alla quale hanno partecipato numerosi ciclisti che come di consueto si ritrovano insieme per un viaggio in sella alle loro biciclette per portare un saluto a Maria Santissima della Catena».

Da Mileto, di buon mattino, la partenza del pellegrinaggio alla volta della vicina Dinami, ma «non sono le distanze chilometriche a compiere il viaggio e a dare significato al movimento – aggiungono i ciclisti coinvolti -, bensì il modo di viaggiare, il come lo si fa, lasciando a casa la fretta, fermandosi, rallentando, ascoltando, senza necessariamente avere una meta da raggiungere. Il viaggio inteso come metafora, come possibilità di lasciarsi incantare e assorbire da ciò che ci circonda, assume un altro significato: qualsiasi meta, qualsiasi luogo da visitare sarà perfetto».

Sentita, come detto, la partecipazione di “Bicinsieme, paesaggi in movimento”, guidata da Raffaele Mancuso, «un simpatico e gioviale gruppo che partecipa assiduamente alle tante escursioni in programma in tutta la regione. Un gruppo che non manca di coinvolgere sempre più amanti delle due ruote, tra i quali anche presenze femminili attive e pronte a curare tutti i momenti di convivialità del gruppo regalando sana e fraterna amicizia.

Tornando all’esperienza di Dinami, qui si è trattato di «un viaggio spirituale coinvolgente in cui gli organizzatori hanno saputo coniugare l’aspetto sportivo a quello religioso» arricchito dal «toccante omaggio floreale alla Madonna da parte di Irma, ragazza del gruppo di San Costantino, che con evidente commozione ha commentato positivamente la bella pedalata».