Pubblicita'

Carattere

Stilato dalla Caritas e dalla Fondazione Migrantes, il documento descrive il fenomeno dell’immigrazione in Italia, riferito all’anno 2016

Cultura

Sarà presentato mercoledì prossimo alle 17 nella chiesa “San Michele” di Vibo Valentia, il XXVI Rapporto sull’immigrazione “Generazioni a confronto”, stilato da Caritas e Migrantes per l’anno 2016. L’incontro, organizzato dall’Ufficio migrazioni della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, dopo l’introduzione del direttore don Bruno Cannatelli prevede alcune testimonianze di cittadini stranieri residenti in Italia e la relazione della curatrice dell’annuale Rapporto, per quanto riguarda la la regione Calabria, Maria Scaramuzzino.

A trarre le considerazioni finali sarà il vescovo della diocesi Mileto-Nicotera-Tropea monsignor Luigi Renzo. Il documento, così come raccontano il presidente della Fondazione Migrantes monsignor Gian Carlo Perego e il presidente della Caritas italiana monsignor Francesco Soddu, “è uno strumento culturale dedicato da oltre un quarto di secolo al fenomeno della immigrazione in Italia”. L’intento è quello di “concentrare l’attenzione sui giovani di origine non italiana raccontandoli, proprio come chiede Papa Francesco, in ciascuna delle realtà e condizioni da loro vissute”. Un cammino quasi naturale rispetto allo scorso anno “dove, trattando il tema della cultura dell’incontro, è stato normale trovare, in tutti i contesti in cui l’incontro avviene, proprio un giovane di nazionalità non italiana con cui dialogare. L’Italia di oggi e di domani o riuscirà ad essere diversa, capace cioè di nuovi incontri e relazioni – aggiungono - o rischierà di non avere futuro. L’incontro è la parola chiave che deve guidare le nostre comunità. Il modello è quello della “convivialità delle differenze” in cui soprattutto le nuove generazioni sono chiamate ad avere il ruolo di protagoniste”.

In evidenza

Seguici su Facebook