lunedì,Giugno 21 2021

Mileto, cucciolo abbandonato salvato dai carabinieri forestali

L’animale è stato poi preso in consegna dal conducente di un autotreno in transito che si è reso disponibile ad adottarlo

Mileto, cucciolo abbandonato salvato dai carabinieri forestali

Durante lo svolgimento di un controllo in materia ambientale, lungo un tratto dell’asta fluviale del fiume Mesima, i militari della Stazione carabinieri forestale di Spilinga hanno recuperato, nei pressi dell’uscita autostradale di Mileto, un cucciolo di cane, di colore marroncino, dell’apparente età di circa 2 mesi, privo di microchip, palesemente abbandonato, malnutrito ma che mostrava un’indole di “estrema dolcezza”.

Al fine di salvaguardarne l’incolumità, unitamente alla sicurezza della circolazione veicolare, i militari si sono approssimati all’animale evitando di farlo spaventare e il cucciolo gli è andato incontro, quasi a richiederne il soccorso. Mentre i militari si organizzavano per il trasporto e l’affido al Comune competente, il conducente di un autotreno di una ditta boschiva in transito, nel constatare l’accaduto, ha offerto la propria disponibilità ad accudire il cucciolo, garantendogli l’affetto di una famiglia e tutte le cure necessarie. I carabinieri forestali, quindi, complimentandosi con il camionista, gli affidavano il cagnolino.

L’abbandono di animali, spiegano i carabinieri forestali, oltre a rappresentare un gesto di crudeltà e inciviltà, mette a rischio la vita degli animali stessi e, non di rado, anche la pubblica incolumità, potendo causare sinistri stradali e alimentando il fenomeno del randagismo. Per tali motivi, l’abbandono è punito con severe sanzioni penali. I cittadini sono invitati a segnalare abbandoni e maltrattamenti di animali di affezione al numero di emergenza ambientale 1515.

Articoli correlati

top