lunedì,Settembre 20 2021

Incendio a San Nicola da Crissa, l’Arpacal: «Evitare il consumo di ortaggi»

Consegnata al Comune e alla Prefettura la relazione stilata dai tecnici sul rogo che ha coinvolto la piattaforma di gestione dei rifiuti della cooperativa Stella del Sud

Incendio a San Nicola da Crissa, l’Arpacal: «Evitare il consumo di ortaggi»
La situazione dell'impianto dopo l'incendio

Il Dipartimento provinciale di Vibo Valentia dell’Arpacal, diretto da Clemente Migliorino, valuterà se procedere ad una specifica campagna di campionamenti di aria e terreno nei pressi dei luoghi dell’impianto di gestione rifiuti a San Nicola da Crissa che sono stati interessati da un incendio venerdì 16 aprile scorso.

Quanto comunicato alla Prefettura di Vibo Valentia, al Comune di San Nicola da Crissa ed alla società titolare dell’impianto, dal dipartimento provinciale dell’agenzia ambientale vibonese che, sin dalla mattina del 17 aprile ha inviato i propri tecnici sui luoghi dell’incendio.

Sull’esito delle attività, su input del direttore generale Domenico Pappaterra, si relazionerà anche all’assessore regionale all’Ambiente della Regione Calabria, Sergio de Caprio, che sin dalle prime ore aveva chiesto l’intervento dell’Arpacal sui luoghi dell’incendio.

«Nel corso del sopralluogo – riferisce Arpacal alla Prefettura e Comune – si riscontrava, per quanto visibile dall’esterno del perimetro aziendale, essendo ancora in corso lo spegnimento, intervento dei Vigili del Fuoco, Dipartimento Provinciale di Vibo Valentia, ancora impegnati nello spegnimento degli ultimi focolai presenti e non ancora estinti».

Constatato anche «l’allontanamento dal piazzale aziendale dei cumuli di rifiuti non ancora coinvolti dall’incendio, con l’uso di pala gommata, stoccati su cassoni scarrabili aziendali, ed il capannone aziendale quasi totalmente compromesso dall’incendio, tranne forse il box uffici».
La tipologia dei materiali coinvolti dall’incendio riguardava rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata.

Avendo accertato che la direzione preferenziale del vento, al momento dell’evento, era Ovest – Sud Ovest , nell’ambito del sopralluogo il personale Arpacal ha richiesto al responsabile tecnico dell’impianto “una relazione tecnica da cui risultino i quantitativi dei rifiuti stoccati in azienda, con i relativi codici Eer, nelle 48 ore precedenti l’incendio con indicazione dei quantitativi e/o volumi di quelli interessati dall’incendio e le modalità di raccolta delle acque di piazzale, al fine di poter valutare la gestione delle acque e dei liquidi di spegnimento che si sono prodotte nelle fasi di spegnimento dell’incendio”.

Al sindaco di San Nicola da Crissa, Giuseppe Condello, presente al momento del sopralluogo i tecnici Arpacal hanno segnalato inoltre la necessità di informare la popolazione residente e di prossimità attivando le prime misure minime precauzionali temporanee contro le emissioni da combustione e consistenti nel mantenere gli infissi temporaneamente chiusi per le prime 48/72 ore e, nel breve periodo, evitare il consumo di prodotti ortofrutticoli coltivati nei campi agricoli ricadenti in un’area di almeno 2 km di raggio dall’impianto». Alla ditta titolare dell’impianto è stata, infine, richiesta la presentazione di un piano di smaltimento dei rifiuti combusti.

Leggi anche ⬇️

Articoli correlati

top