Mare inquinato in località Cocca di Briatico

L’Arpacal segnala valori fuori norma per gli enterococchi e l'escherichia coli. Si aspetta ora il divieto di balneazione

L’Arpacal segnala valori fuori norma per gli enterococchi e l'escherichia coli. Si aspetta ora il divieto di balneazione

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Ancora problemi con la balneazione a Briatico. Le analisi effettuate il 16 luglio scorso dall’Arpacal in località Cocca hanno infatti evidenziato un “fuori limite” rispetto ai parametri previsti dalla normativa. Le analisi ed i parametri fuori legge sono state comunicate dal sindaco ai commissari straordinari del Comune (che reggono l’ente dopo il recente scioglimento degli organi elettivi per infiltrazioni mafiose) e contestualmente al Ministero della Salute ed alla Regione Calabria, oltre che al Servizio Acque del Dipartimento provinciale di Vibo Valentia dell’Arpacal. I valori riscontrati si attestano a 560 per gli enterococchi (limite 200) e di 320 per l’escherichia coli (limite 500). Adesso tocca al Comune di Briatico agire: serve infatti un’ordinanza della commissione straordinaria per il divieto temporaneo di balneazione, l’individuazione e la rimozione delle cause che hanno determinato tale criticità. Intanto il Dipartimento di Vibo Valentia dell’Arpacal procederà, come di consueto, ai campionamenti ed alle analisi suppletive sul punto che ha segnato il fuori limite.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Depuratore di Briatico e by-pass illegale, il gip convalida il sequestro

Inquinamento ambientale, sequestrato il by pass illegale del depuratore di Briatico (VIDEO)