Acqua non potabile in tre punti di Joppolo, nuova ordinanza di divieto

Le analisi effettuate in tre sorgenti hanno fatto emergere valori di sostanze nocive alla salute pubblica superiori ai limiti di legge

Le analisi effettuate in tre sorgenti hanno fatto emergere valori di sostanze nocive alla salute pubblica superiori ai limiti di legge

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Ancora un divieto di utilizzazione dell’acqua a fini potabili. Il sindaco di Joppolo, Carmelo Mazza, ha infatti emanato un’apposita ordinanza con la quale ha vietato l’utilizzo dell’acqua erogata dai punti di prelievo della sorgente San Francesco, sorgente Nucicia e sorgente Iuncari. La decisione scaturisce da una nota della Sigra (Servizi integrati per la gestione del rischio aziendale), ditta affidataria del servizio di autocontrollo, con la quale è stato comunicato che i risultati delle analisi di potabilità dell’acqua hanno dato esito negativo con valori superiori ai limiti di legge. L’acqua proveniente da tali tre sorgenti potrà essere utilizzata solo per la pulizia della casa, il funzionamento degli impianti sanitari e l’igiene della persona. I precedenti divieti erano stati revocati dal sindaco il 10 aprile scorso. Copia della nuova ordinanza di divieto – adottata a tutela della salute pubblica – è stata trasmessa alla ditta affidataria del servizio, al prefetto di Vibo, ai carabinieri della Stazione di Joppolo, alla polizia municipale ed all’ufficio tecnico comunale.

Informazione pubblicitaria