giovedì,Luglio 29 2021

Provinciale 522 Vibo, la Fit-Cisl: «Intervenire prima che succeda una tragedia»

Pagnotta e Nerelli mettono sotto accusa il tratto Pizzo-Vibo Marina. Appello alla Provincia affinché intervenga al più presto. La situazione sarà segnalata al prefetto

Provinciale 522 Vibo, la Fit-Cisl: «Intervenire prima che succeda una tragedia»
Ecco come si presenta la strada provinciale 522 nel tratto Pizzo-Vibo Marina

«Percorrere la strada provinciale 522, nel tratto Pizzo-Vibo Marina, è oramai da tempo divenuto un pericolo costante per gli automobilisti. Chiediamo urgentemente l’intervento della Provincia di Vibo Valentia: si intervenga prima che accada l’irreparabile, prima che succeda una tragedia, fino ad oggi fortunatamente sventata da più automobilisti». Grido d’allarme di Vincenzo Pagnotta e Adolfo Nerelli, componenti della segreteria provinciale Fit-Cisl. [Continua in basso]

«Sappiamo – aggiungono i due sindacalisti – che tante strade della nostra provincia e di tanti nostri comuni, per le ristrettezze economiche che sono state imposte agli enti locali, sono in condizioni disastrate, sia per quanto riguarda il manto stradale, che per quanto riguarda le erbacce/canneti e la abbondante vegetazione che invade le corsie di marcia ed i marciapiedi, ma questo non può far passare in secondo piano la sicurezza delle persone. Leggiamo oggi sui social, l’ennesima segnalazione-denuncia sulla mancanza di manutenzione effettuata da parte di alcuni cittadini, riguardanti le pessime condizioni della viabilità per quanto riguarda la folta vegetazione che restringe i margini della carreggiata, creando grandi difficoltà agli automobilisti».

Pagnotta e Nerelli ricordano, pertanto, che «erbacce e folti canneti invadono entrambi le corsie di marcia, superando anche i guard-rail e creando, senza dubbio, notevoli disagi alle automobili, ai pullman turistici e di linea che la percorrono giornalmente; stiamo parlando di veicoli che si servono quotidianamente di questa strada che collega la Costa degli dei, dove si trovano ubicate tante attività turistico-ricettive , che vedono in questi giorni tanti turisti percorrere questa strada considerata, oltre alla salubrità dell’aria, anche lo stupendo panorama che si affaccia all’orizzonte. In alcuni tratti – viene osservato – i pullman, per evitare le canne che crescono lateralmente, sono costretti a muoversi al centro della carreggiata, anche in prossimità di curve, creando problemi alla circolazione».

Da qui, dunque, la richiesta dei sindacalisti della Cisl agli enti competenti, Provincia in primis, «per un intervento urgente, risolutivo di pulizia dai rifiuti e dalle canne ed erbacce che oramai invadono le due corsie di marcia. Nel merito come Fit-Cisl, oltre a procedere a richiedere un urgente intervento alla Provincia, segnaleremo – chiudono Pagnotta e Nerelli – tale situazione di estremo pericolo a sua eccellenza il prefetto».

top