martedì,Luglio 27 2021

Alberi “sfregiati” a Vibo per rendere visibili i cartelloni pubblicitari – Foto

Il Comune ha autorizzato direttamente lo stesso titolare degli impianti, anziché una ditta specializzata, a potare il verde pubblico, ma il risultato non incontra il favore dei cittadini. Ecco tutto ciò che è accaduto

Alberi “sfregiati” a Vibo per rendere visibili i cartelloni pubblicitari – Foto
Gli alberi "potati" a Moderata Durant perchè ostruivano la vista di un cartellone pubblicitario

I rami degli alberi si protendono verso alcuni cartelloni pubblicitari, chi dovrebbe curare la manutenzione del verde pubblico sembra in ritardo con le potature e così il titolare degli impianti chiede nell’ottobre dello scorso anno all’ufficio Ambiente del Comune di Vibo Valentia di poter effettuare lui stesso la potatura del verde pubblico. Il Comune il 17 giugno scorso autorizza e così in questi giorni l’Agenzia Marcello Francioso srl ha eseguito il primo taglio di alcuni alberi e della vegetazione circostante, con l’ufficio Ambiente di “palazzo Luigi Razza” – a firma della dirigente Adriana Teti – che ha indirizzato una missiva alla ditta Ecocar srl (ditta che ha in appalto in città la raccolta dei rifiuti) per il ritiro degli sfalci in via G.Salvemini (potatura e sfalcio di un pino marittimo dove insiste un impianto pubblicitario 6×3), in via Lacquari (taglio vegetazione acero dove c’è un impianto 4×3) e in via Giovanni Paolo II (dove insiste un impianto pubblicitario 6×3). [Continua in basso]

Proprio in via Giovanni Paolo II, nel quartiere Moderata Durant, a due passi dall’ingresso del Poliambulatorio e del parcheggio esterno, molti cittadini segnalano alla nostra redazione la potatura – per tanti un vero e proprio sfregio ai danni del verde pubblico e dell’ambiente – degli alberi. Lasciamo a chi di competenza giudicare il risultato e agire di conseguenza (per noi e per tanti cittadini il risultato appare ben visibile e si commenta da solo), non senza però evidenziare il modus operandi: un privato chiede al Comune non di rimuovere i rami degli alberi che impediscono la visuale di un impianto pubblicitario (che l’Agenzia Marcello Francioso srl sostiene “regolarmente autorizzato”) ma di intervenire esso stesso privato, titolare dell’impianto, per potare direttamente gli alberi. Il Comune acconsente e poi ordina alla ditta deputata alla raccolta dei rifiuti di prelevare e portare via gli sfalci dei rami. Ma la potatura degli alberi su suolo pubblico (come nel caso di specie) non dovrebbe essere affidata dal Comune ad un’apposita ditta specializzata che ha già in appalto la cura del verde in città e nelle frazioni? O qualunque privato può chiedere ed ottenere dal Comune di potare gli alberi, con risultati che lasciamo giudicare ai lettori? Benvenuti a Vibo Valentia.

top