Carattere

L’iniziativa del circolo di Legambiente Vibo sposata con convinzione dagli alunni della scuola Don Bosco, dalla Capitaneria di porto e dalla Dusty 

L'iniziativa Spiagge pulite a Bivona
Ambiente

Continuano le attività di pulizia delle spiagge organizzate dai circoli Legambiente vibonesi. Spiagge Pulite stavolta ha fatto tappa a Bivona organizzata dal circolo Legambiente Vibo Valentia, di concerto con l’Istituto Comprensivo Primo circolo di Vibo Valentia, con la Capitaneria di Porto e con la Dusty. Una giornata di cittadinanza attiva, che ha registrato, tra l’altro, la lodevole presenza di molti genitori, ma soprattutto una giornata di educazione ambientale e di sensibilizzazione che fa seguito alle lezioni teoriche svolte in classe. La collaborazione tra Legambiente, la Capitaneria di Porto e la scuola è in essere già da tempo e ha prodotto, nei mesi scorsi, alcune attività di educazione ambientale in aula. Con l’ausilio dei volontari dei circoli Legambiente è stato affrontato il tema della raccolta differenziata, del ciclo dei rifiuti e delle plastiche in mare. Lezioni teoriche che oggi, con l’iniziativa Spiagge Pulite, sono state contestualizzate. I giovani studenti, infatti, accompagnati dai propri docenti hanno potuto constatare che le plastiche abbandonate nell’ambiente, spesso finiscono in mare e, per l’azione delle correnti marine, depositate sulla spiaggia. Plastica ma non solo e tra questa anche tanta microplastica che da alcuni anni sta colonizzando gli arenili.

L’attività di raccolta dei rifiuti è stata preceduta da una breve lezione incentrata sulla tutela dell’ambiente marino e dei suoi ecosistemi e sulla sicurezza in mare. Dopo i saluti della dirigente scolastica Domenica Cacciatore, Antonella Pupo per il circolo di Vibo e Franco Saragò, in rappresentanza del circolo di Ricadi, hanno spiegato le finalità dell’iniziativa soffermandosi sui problemi che attanagliano i nostri mari. Per la Capitaneria di porto erano presenti il sottotenente di vascello Roberta D’Avolio e il Comune di seconda classe Giuseppe Botta. Il sottotenente D’Avolio si è soffermata sull’ecosistema marino e in particolare sulle regole di sicurezza in mare. Fatima Vaccalluzzo, in rappresentanza della Dusty, avvalendosi dell’ausilio di un oasi ecologica mobile, portata sul posto per l’occasione, ha spiegato ai bambini come bisogna fare una corretta raccolta differenziata. Salvatore Nardone di Legambiente, in continuità con le attività svolte in classe, ha accompagnato gli studenti sulla spiaggia spiegando loro i danni che le microplastiche causano all’organismo umano e all’ecosistema marino

Una bella giornata di educazione ambientale che ha visto quali attori principali le classi seconde e terze della scuola primaria “Don Bosco”, e che conclude  due progetti che la scuola ha realizzato, in quest’anno scolastico, sulle tematiche ambientali.  “Il dire… il fare  il mare” e “RicicliAMO e RispettiAMO”. Due progetti incentrati sulla salvaguardia ambientale e in particolare sulla raccolta differenziata , sul risparmio , sul riciclo e sul riuso dei materiali. La tematica ambientale è stata al centro dell’attività scolastica culminata questa mattina con il “blitz” dei piccoli alunni a Bivona per la pulizia della spiaggia. Un’iniziativa che segue lo spettacolo teatrale andato in scena nei giorni scorsi nell’auditorium della scuola

«Come non mai - si legge in una nota della Don Bosco -, la platea si è commossa di fronte all’apoteosi dei bambini che con grande ammirazione e rispetto per l’ambiente del mare hanno mostrato con grande devozione il prezioso progetto portato avanti durante l’anno scolastico che li ha visti, in prima linea, combattenti nelle spiagge di Briatico e Vibo Marina, per conoscere i pescatori prima e ripulire la spiaggia dopo». “Stringermi forte, stringimi a te e domani un nuovo mondo spunterà”: la preghiera che i bambini delle classi III della Don Bosco hanno invocato in coro in onore del loro mare, quello della Costa degli Dei. Una scuola che rinasce e fa rinascere il territorio all’indomani delle elezioni politiche. «I bambini che danno esempio agli adulti e agli amministratori recandosi a Bivona per l’ultimo atto del progetto. Il tutto con la fervida convinzione che il mare va tutelato. Nessuno escluso, anche i più piccini, delle seconde classi, hanno portato avanti un grande contributo specie per la raccolta differenziata con i progetti rispettiAmo e ricicliAmo: un’insieme di iniziative partite dal laboratorio e terminate con la didattica educativa in simbiosi con i bimbi più grandi!». E ancora, il messaggio lanciato dai piccoli alunni della Don Bosco: «La speranza è che questo monito dei bambini sia una barchetta di carta che si posa in un mare in tempesta e trasporti lontano i nostri nuovi amministratori, seguendo correnti di legalità, lealtà e di costruttivo confronto con le minoranze scevro da ogni presa di protagonismo e volto al bene comune».   

Le attività sono proseguite per l’intera mattinata con la pulizia della spiaggia ad opera dei ragazzi, dei loro genitori, degli insegnanti, dei volontari e di alcuni cittadini che, avvalendosi di scope e rastrelli, hanno raccolto anche cumuli di canne sparse sull’arenile. Soddisfazione è stata espressa dalla dirigente scolastica che, tra l’altro, ha collaborato attivamente in prima persona alle attività di pulizia ed ha auspicato, anche per il prossimo anno scolastico, una proficua collaborazione tra la scuola e Legambiente. 

LEGGI ANCHESpiagge pulite, la “carovana gialla” di Legambiente a Ricadi e Pizzo - Video

“Spiagge pulite”, al via gli appuntamenti di Legambiente nel Vibonese

Liberi dalla plastica, a Vibo Marina la giornata “plasticfree” della Guardia costiera

Spiagge “Plastic-free”, lungo il litorale vibonese raccolta una tonnellata e mezza di rifiuti

Tropea, gli studenti in spiaggia con Legambiente per un mondo plastic free - Video

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook