lunedì,Luglio 4 2022

La carovana di Legambiente a Tropea per ripulire la spiaggia: in campo 500 studenti – Video

Ha preso parte alla giornata anche il vescovo Attilio Nostro, che ai ragazzi ha detto: «Guardate alla natura e a voi stessi con gli occhi di Dio»

La carovana di Legambiente a Tropea per ripulire la spiaggia: in campo 500 studenti – Video

Bellissima e partecipata iniziativa a tutela delle spiagge e degli ecosistemi marini a Tropea, organizzata dal Circolo Legambiente Ricadi, dall’Istituto d’istruzione superiore e dal Comune. L’occasione è stata data dalla storica iniziativa “Spiagge e fondali Puliti” di Legambiente che ogni anno coinvolge migliaia di volontari lungo le coste di tutta la penisola. Un’iniziativa che ha l’intento di sensibilizzare i cittadini, e soprattutto i giovani, affinché vengano adottati comportamenti virtuosi improntati alla tutela dell’ambiente e degli ecosistemi marini. Protagonisti della giornata sono stati i circa cinquecento ragazzi del Liceo Scientifico, del Liceo Classico, dell’Istituto per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera e dell’Istituto professionale per i servizi commerciali e turistici. Presente anche il vescovo della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, monsignor Attilio Nostro, che ha intrapreso un apprezzato e partecipato dialogo con gli studenti. [Continua in basso]

Sulla splendida spiaggia delle “Roccette”, con lo sfondo di un mare azzurro solcato dalla motovedetta della Capitaneria di Porto, il presidente del circolo Legambiente Ricadi Franco Saragò, il sindaco di Tropea Giovanni Macrì e il comandante C.F. della Capitaneria di porto di Vibo Marina Agazio Tedesco hanno sensibilizzato gli studenti sulle tematiche ambientali e sul dovere, che tutti abbiamo, di salvaguardare l’ambiente a partire da piccoli gesti quotidiani. Il dirigente scolastico Nicolantonio Cutuli, ha ringraziato tutti i presenti e in particolare monsignor Nostro che ha incontrato gli studenti. A portare i saluti dei ragazzi sono stati Simone Incoronato e Anna De Luca i quali, nel presentare l’iniziativa hanno evidenziato l’essenza delle attività messe in campo dalla scuola per la giornata. Tutela dell’ambiente e custodia del creato per rispondere alle guerre con atti di pace e a tutto ciò che deturpa la natura. «Siamo qui con le nostre canzoni e i nostri gesti per chiamare la pace» hanno aggiunto gli alunni, invitando il vescovo a seguirli sulla spiaggia.

Dopo le performance degli studenti, il vescovo ha rivolto loro parole toccanti. «Il mio augurio è che voi possiate guardare la natura e il creato e anche voi stessi con gli stessi occhi di Dio. Voi siete tutti unici e speciali, tessere insostituibili del creato». Quindi, hanno preso il via le attività di pulizia dell’arenile che si sono protratte per la restante mattinata in un clima festoso e di grande partecipazione. I rifiuti raccolti non si sono discostati dalla tipologia di materiali che, abitualmente, vengono rinvenuti sui litorali italiani e che confermano i dati del monitoraggio di Legambiente “Beach Litter”. Plastiche, microplastiche, mozziconi di sigarette e oggetti monouso: sono questi i rifiuti raccolti, a dimostrazione che la loro presenza è causata da comportamenti scorretti e stili di vita individuali non rispettosi dell’ambiente. [Continua in basso]

Soddisfazione per l’ottima riuscita dell’iniziativa è stata espressa da tutti i partecipanti. Una bella giornata all’insegna dell’educazione ambientale, della tutela del creato e, soprattutto, ricca di contenuti e significati, nella speranza che  si possa costruire un futuro migliore.

Articoli correlati

top