sabato,Luglio 13 2024

Ecco il depuratore Silica che scarica nel torrente Sant’Anna: il VIDEO che dimostra cosa arriva a mare

Le immagini girate da un nostro lettore testimoniano quanto accade. L’impianto a monte riversa nel fosso che sfocia a Bivona i liquami fognari trattati, ma dall’odore e dall’aspetto di ciò che arriva a valle qualcosa non funziona

Ecco il depuratore Silica che scarica nel torrente Sant’Anna: il VIDEO che dimostra cosa arriva a mare
Il getto dello scarico del depuratore Silica e la foce del torrente Sant'Anna

Oggi entriamo nella seconda settimana di luglio. In qualunque altro posto dove il turismo fa la parte del leone è tutto pronto per il clou della stagione estiva. A Vibo Valentia, invece, si naviga ancora a vista. E la vista non è delle migliori se si pensa alla foce del torrente Sant’Anna che continua a inquinare il mare dei vibonesi, quello di Bivona, dove un tempo non c’era famiglia della città che non avesse qui, a Vibo Marina, la seconda casa. E se non ce l’aveva, c’era qualche parente da raggiungere, qualche amico che qui ci passava l’estate da andare a trovare. Qui venivano tutti, in un’epoca non tanto lontana dove Vibo esprimeva straordinarie potenzialità e faceva prospettare un futuro sfavillante che poi, purtroppo, è degradato nell’inedia.

Da giorni insistiamo sull’impatto ambientale del Sant’Anna, e lo facciamo anche oggi con un filmato estremamente esplicativo che ci invia un nostro lettore che abita vicino al depuratore Silica. È questo impianto il principale responsabile dei continui sversamenti nel torrente che poi arrivano in mare. Nelle immagini si vede il copioso getto d’acqua sparato dal depuratore nel letto del torrente che poi sfocia a Bivona. Liquami fognari presumibilmente arrivati alla fine del loro ciclo di depurazione, che vengono sversati direttamente in mare, su un tratto di costa che altrove sarebbe un tesoro ambientale e turistico da proteggere con il coltello tra i denti.

Leggi anche ⬇️

E invece, da queste parti, lo scempio è quotidiano. Perché la puzza e l’aspetto del torrente quando si disperde nelle acque della costa non sembrano compatibili con una balneabilità sicura. Intendiamoci, i depuratori funzionano tutti così: trattano quello che arriva dalle fogne e poi, una volta terminato il lungo processo che dovrebbe eliminare impurità e carichi batterici, producono “acqua” che viene smaltita nei mari, nei laghi e nei fiumi. Quindi, il fatto che il depuratore Silica scarichi nel Sant’Anna forse è normale, ma le conseguenze non lo sono. L’odore nauseabondo e l’aspetto di quello che arriva a mare non sono compatibili con un territorio che, in teoria, è un tesoro da preservare.

Quando il neo sindaco di Vibo, Enzo Romeo, non era ancora stato incoronato dal voto, alla domanda “quale sarà la prima cosa che farà?”, rispose senza esitazioni: «Salvare l’estate». Ecco, è il momento di farlo. Ora. Non a settembre.

Leggi anche ⬇️

Articoli correlati

top