Il Liceo “Berto” di Vibo prima scuola “Plastic free” della Calabria

L’istituto si impegna ad eliminare le bottigliette segnando una svolta che coinvolgerà oltre 1.400 persone tra docenti, studenti e personale Ata
L’istituto si impegna ad eliminare le bottigliette segnando una svolta che coinvolgerà oltre 1.400 persone tra docenti, studenti e personale Ata
Informazione pubblicitaria

Il Liceo scientifico Giuseppe Berto di Vibo Valentia sarà la prima scuola “Plastic free” della Calabria. Grazie a un progetto ideato dalla stessa scuola nell’ambito delle iniziative legate al tradizionale appuntamento del Festival delle Scienze che il Berto organizza ogni anno in primavera, lo Scientifico di Vibo Valentia si impegna ad eliminare l’utilizzo delle bottigliette di plastica all’interno della scuola. Un traguardo importante che segna una svolta innanzitutto mentale e che coinvolgerà indistintamente tutte le oltre 1.400 persone che, tra docenti, studenti e personale Ata, quotidianamente sono impegnate all’interno dell’istituto.

Informazione pubblicitaria

Il progetto Scuola Plastic free è stato presentato ufficialmente nel corso di una conferenza stampa dal dirigente scolastico Caterina Calabrese, affiancata da Carmen Corrado, docente di Arte e coordinatrice del progetto, e da Eugenio Mercuri, della Metaproduzioni, già collaboratore nell’organizzazione del Festival delle Scienze, insieme al gruppo di studenti che fanno parte della cosiddetta “squadra di primo intervento”, che si trasformeranno in “ambasciatori Plastic free” per raccontare agli altri istituti della regione l’obiettivo del progetto. «Il nostro primo traguardo – ha spiegato la dirigente Calabrese – sarà quello di abolire l’uso della bottiglietta di plastica che quotidianamente viene utilizzata, il che significa ridurre l’utilizzo di almeno trecentomila rifiuti di plastica calcolando l’azione corale delle 14.000 persone presenti nei 170 giorni di scuola che compongono l’intero anno scolastico». Per realizzare questo obiettivo, il Liceo Berto produrrà una serie di borracce e tazze personalizzate e confezionate con materiale non plastico, che saranno offerte a tutti ad un costo puramente simbolico.