Torna “Urban nature”, con il Wwf di Vibo alla scoperta delle meraviglie di Villa Gagliardi

Prevista per domenica 13 ottobre una visita guidata nello storico parco cittadino che ospita, tra l’altro, lecci secolari ed enormi sequoie
Prevista per domenica 13 ottobre una visita guidata nello storico parco cittadino che ospita, tra l’altro, lecci secolari ed enormi sequoie
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con “Urban nature”, l’iniziativa del Wwf Italia finalizzata alla riscoperta e alla valorizzazione delle aree verdi cittadine: parchi, ville, giardini urbani che rappresentano dei patrimoni di biodiversità troppo spesso trascurati e poco conosciuti, mentre meriterebbero una maggiore considerazione per l’insostituibile ruolo estetico e di polmoni verdi dei caotici e inquinanti centri cittadini. Il Wwf di Vibo Valentia, presieduto da Angelo Calzone, insieme a tutti i volontari del sodalizio ambientalista, dà appuntamento per domenica 13 ottobre all’interno della bellissima Villa Gagliardi, una classica “Villa Romantica” di fine Ottocento che conserva patriarchi arborei di notevoli dimensioni e di varie specie, sia autoctoni, come i lecci secolari, che originari di altri continenti, come le enormi sequoie.

Informazione pubblicitaria

Il programma della manifestazione prevede (ore 9.30) una caccia al tesoro naturalistica, a cui seguirà la visita guidata alla scoperta della flora e della fauna della Villa, al termine della quale si svolgeranno delle attività di gioco per i più piccoli. La piantumazione di un albero rappresenterà poi un momento simbolico per richiamare l’attenzione dell’amministrazione comunale sull’opportunità di incrementare il patrimonio verde cittadino, di curare meglio quello esistente, a cominciare dalla stessa Villa Gagliardi, senza dimenticare lo stato di completo abbandono e di sporcizia in cui versa il Parco delle Rimembranze. La mattinata di contatto con la natura in città si concluderà con un concerto a cura di alunni del Liceo “Capialbi” di Vibo Valentia. Insomma un’occasione da non perdere per conoscere meglio e per contribuire a difendere insieme al Wwf questi angoli di natura sopravvissuti all’assalto del cemento e capaci di regalarci ancora, nonostante tutto, dei momenti di relax e di serenità a due passi da casa.