martedì,Settembre 28 2021

Discarica Colantoni a Nicotera, il commissario Vadalà prende impegni

Incontro «proficuo» tra i rappresentanti di Movi@vento, Movimento 14 luglio e il generale incaricato della bonifica delle discariche abusive. Assicurato il rapido avvio dell’iter per il risanamento dell’area

Discarica Colantoni a Nicotera, il commissario Vadalà prende impegni
Località Colantoni a Preitoni di Nicotera

Si è svolto ieri, a Lamezia Terme, un incontro tra una delegazione formata dai due consiglieri della lista Movi@Vento, all’opposizione al Comune di Nicotera, Antonio D’Agostino e Maria Adele Buccafusca, nonché da un rappresentante del Movimento 14 luglio e della comunità di Preitoni, Francesco Marcianò, e il Commissario per la bonifica delle discariche abusive e pericolose generale Giuseppe Vadalà, accompagnato da alcuni suoi stretti collaboratori.

«La riunione – riferiscono i partecipanti – è stata molto proficua ed è servita per fare il punto della situazione riguardante la bonifica della discarica Colantoni, che pur dismessa da alcuni decenni, continua ad alimentare l’apprensione degli abitanti di Preitoni dove negli anni si è registrato un preoccupante aumento dei casi di patologie tumorali». [Continua]

Spiegano i componenti del movimento nicoterese: «Dovendo ri-tracciare brevemente il percorso della vicenda, bisogna partire dall’equivoco nominalistico (Colantoni/Calafatoni), al quale va imputato il dirottamento dei finanziamenti dalla discarica Colantoni di Preitoni a quella Calafatoni di Joppolo, quest’ultima di ben altra natura e di dimensioni enormemente più ridotte. D’altronde la stessa denominazione Colantoni, riportata nella sentenza di condanna della Corte di Giustizia europea del 26 aprile 2007, non lasciava dubbi che si trattasse della discarica sita nel territorio di della frazione Preitoni del comune di Nicotera, soltanto per mero errore attribuita a quello del confinante Joppolo. Un’ulteriore prova, ancor più univoca, era data dalle coordinate geografiche della discarica riportate nell’ortofoto pubblicata sul sito internet della Presidenza del Consiglio dei Ministri–Commissario straordinario per la bonifica delle discariche abusive».

L’ INCHIESTA | Le discariche e le bonifiche della discordia fra Joppolo e Nicotera: Calafatoni o Colantoni?

L’ INCHIESTA | La discarica della vergogna a Colantoni di Nicotera, una “bomba” da bonificare al più presto (VIDEO)

Si ricorda, ancora, che «sulla questione ci fu, a suo tempo, la netta presa di posizione del Movimento 14 luglio, a seguito della quale, in data 9 aprile 2018, vi fu un incontro negli uffici regionali tra i commissari che amministravano all’epoca il nostro Comune e una delegazione del Comune di Joppolo. A conclusione di esso, fu ammesso l’errore, e il sindaco di Joppolo, unitamente ai dirigenti regionali, assicurò che i fondi sarebbero stati ri-assegnati al Comune di Nicotera. Non tutti, purtroppo, perché del finanziamento iniziale di 1.153.740 euro, 167.390 euro erano stati già spesi dal Comune di Joppolo per la caratterizzazione della discarica Calafatoni».

Il commissario Vadalà

Per D’Agostono, Buccafusca e Marcianò «si tratta ora di dare finalmente a “Cesare quel che è di Cesare”, e su questo il commissario Vadalà ha dato ampia assicurazione, rinviando a un secondo incontro, da realizzare prima del prossimo Ferragosto, la stesura di un cronoprogramma, indicante le fasi dell’intervento a partire ovviamente dall’appalto per la caratterizzazione della discarica. È evidente ora l’importanza che gli amministratori, dopo il fondamentale incontro, si rendano da subito parte diligente per facilitare al massimo il lavoro del commissario, in modo tale da portare a termine nel più breve tempo possibile il risanamento ambientale di un’area irresponsabilmente violentata, con conseguenze drammatiche per tante famiglie che per troppo tempo hanno chiesto invano il ripristino di uno dei loro più fondamentali diritti: quello alla salute così strettamente legato alla salubrità del loro ambiente di vita».

Discarica di Colantoni a Nicotera: al caso si interessa anche il generale Vadalà

top