Vibo Marina, appello del comandante Pignatale al decoro delle aree portuali

Dal massimo esponente della Capitaneria l’invito alla comunità vibonese a «preservare l’immagine di decoro e di amenità che si addice a un luogo frequentato anche da numerosi turisti»
Dal massimo esponente della Capitaneria l’invito alla comunità vibonese a «preservare l’immagine di decoro e di amenità che si addice a un luogo frequentato anche da numerosi turisti»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La Capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina, al comando del capitano di fregata Massimiliano Pignatale, fa appello «al senso civico della comunità vibonese e di tutti coloro che a vario titolo accedono alle aree portuali, affinché sia sempre curato il decoro delle stesse, in particolare scongiurando fenomeni quale l’abbandono di rifiuti, attenendosi scrupolosamente alle norme che ne disciplinano la pubblica fruibilità. È infatti un dovere di tutta la collettività preservare l’immagine di decoro e di amenità che si addice a un luogo frequentato anche da numerosi turisti».

Informazione pubblicitaria

Quindi l’invito a «prendere contezza della disciplina e dei divieti dettati dal regolamento del porto, adottato con ordinanza n. 37/2008 della Capitaneria di porto e disponibile sul sito istituzionale www.guardiacostiera.gov.it/vibo-valentia, con la dovuta precisazione che sulle banchine Bengasi, Papandrea e Buccarelli, essendo aree soggette alle restrizioni imposte dalla normativa in materia di security degli impianti portuali, è del tutto precluso l’accesso a soggetti diversi da quelli espressamente autorizzati per lo svolgimento delle operazioni portuali e dei servizi ad esse connessi e dai concessionari di aree e banchine».