Degrado a Vibo | «Ancora rifiuti davanti all’Eco-punto»: reclamano i residenti di via Pellicanò

In tanti hanno ignorato la sospensione del servizio nel giorno della festa del Santo Patrono lasciando le buste sul marciapiede.  Chi abita nei paraggi non ci sta: «La via è stata trasformata in discarica»

In tanti hanno ignorato la sospensione del servizio nel giorno della festa del Santo Patrono lasciando le buste sul marciapiede.  Chi abita nei paraggi non ci sta: «La via è stata trasformata in discarica»

Informazione pubblicitaria
Come si presentava il marciapiede in via Pellicanò stamattina
Informazione pubblicitaria

I residenti del centro di Vibo Valentia continuano a segnalare lo stato di degrado in cui versa via Pellicanò, tra via Dante Alighieri e via P.E. Murmura, recriminando come «il quartiere sia divenuto un’area-discarica a tutti gli effetti». 

Informazione pubblicitaria

Secondo gli abitanti del quartiere «nel giorno di una normale festività, qual è questa odierna del patrono della città i rifiuti vengono lasciati sul marciapiede dinanzi all’area-pattumiera chiusa, diventando il quartiere un sito-spazzatura sporco e degradato». 

Ancora, chi vive nella strada in questione, ricorda per l’ennesima volta che «il quartiere ove è ubicato il sito di raccolta dei rifiuti, dove non è ancora partita la raccolta porta a porta, è residenziale, commerciale e sede di importanti istituzioni come il laboratorio analisi e uffici Asl, Stazione dei carabinieri, Polizia stradale, Inps, Oratorio dei Salesiani. Nonostante le tante proteste dei residenti, il sito continua la sua attività  in pieno disprezzo delle norme in tema di igiene pubblica e di decoro urbano, in quanto persistono criticità derivanti da: carenza di norme igieniche, visto che viene confluita in pieno giorno anche la spazzatura indifferenziata e l’umido (si intravedono ratti e simili), e il sito è divenuto un’area di raccolta di cassonetti alla rinfusa; via vai di mezzi pesanti in piena mattinata durante l’orario normalmente lavorativo, con le conseguenze per la circolazione (già complicata) ordinaria del traffico, dei mezzi di pubblica sicurezza (Carabinieri e Polizia Stradale)  e della salute pubblica. Tutto ciò in totale assenza di un’area di sosta per i cittadini che arrivano in autovettura, con le conseguenze del caso».

Quindi la richiesta reiterata ancora una volta: «E’ auspicabile l’avvio della raccolta “porta a porta” in centro città, come previsto dai piani comunali, e l’immediato smantellamento dell’inidoneo ed improvvisato sito-pattumiera di via Pellicanò, inadeguato alle esigenze dei cittadino, e la sua conseguente definitiva chiusura».