L’APPELLO | Spiagge accessibili a tutti, una battaglia di civiltà

La responsabile provinciale del Dipartimento “Diritti umani e libertà civili” di Forza Italia, Anna Maria Giofrè, si appella a istituzioni e privati affinché garantiscano la fruibilità del litorale a quanti hanno gravi difficoltà motorie

La responsabile provinciale del Dipartimento “Diritti umani e libertà civili” di Forza Italia, Anna Maria Giofrè, si appella a istituzioni e privati affinché garantiscano la fruibilità del litorale a quanti hanno gravi difficoltà motorie

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Alle porte del periodo estivo mi preme invitare tutti i soggetti turistici nonché le amministrazioni comunali della “Costa degli dei” a rendere le strutture e le spiagge di loro rispettiva competenza fruibili, soprattutto a tutti coloro che hanno difficoltà motorie. Chiaramente non dimentico che la provincia di Vibo Valentia ha anche una splendida montagna e zone interne, altrettanto oggetto di un forte impulso turistico.

Informazione pubblicitaria

Ma è sicuramente vero che molte delle spiagge della provincia vibonese, per la loro conformazione, non si prestano particolarmente all’accessibilità da parte dei diversamente abili e troppe sono ancora le strutture che presentano barriere architettoniche che non permettono di godere dei nostri meravigliosi percorsi e paesaggi turistici.

Sicuramente le iniziative nei confronti delle persone disabili si stanno moltiplicando ed anche le strutture turistiche si stanno attrezzando, ma molte ancora sono le lacune strutturali e, appunto, di offerta turistica.

In mio invito, dunque, è rivolto agli operatori turistici ed ai detentori di concessioni demaniali nella provincia di Vibo Valentia affinché rendano possibile l’accesso alle loro strutture ed anche alle spiagge, ma anche a tutte le amministrazioni comunali, che a tutt’oggi non hanno ancora adeguato le spiagge libere, così come i luoghi di sosta montani; tralasciando, per il momento, di affrontare il problema ancora attuale di accesso agli edifici pubblici in alcuni comuni del vibonese.

Adeguamenti, dunque, presenti ancora soltanto in poche strutture turistiche e praticamente inesistenti nelle spiagge ed aree pubbliche alle quali i diversamente abili hanno altresì diritto di accedervi.

Dall’invito non posso escludere i neo amministratori, a cui vanno i miei auguri di buon lavoro, che saranno impegnati fin da subito nella promozione turistica dei rispettivi territori. Un invito a non mancare di esprimere la loro già nota sensibilità anche verso questo tipo di problematiche sociali, che inevitabilmente denotano anche l’azione dell’amministrazione locale.

Oltre ai diversamente abili ed ovviamente agli anziani, ed alle loro diverse necessità motorie, è importante non venga dimenticata la creazione di idonei spazi per permettere alle mamme il cambio dei più piccini.

In ragione di quanto detto diventa un dovere di noi tutti che vengano istituite strutture idonee per tutelare le fasce più deboli e dimostrare non soltanto la nostra nota accoglienza ma soprattutto il senso civico anche attraverso un’adeguata offerta turistica, al fine di rendere piacevoli anche per queste persone, le prossime vacanze nella Provincia di Vibo Valentia.

*Responsabile provinciale Dipartimento “Diritti umani e libertà civili” di Forza Italia