Soriano, riposizionata sulla stele l’icona con il volto di Filippo Ceravolo

Il rilievo artistico in metallo era stato divelto nei giorni scorsi da mani ignote. Il monumento dedicato a tutte le vittime innocenti di mafia

Il rilievo artistico in metallo era stato divelto nei giorni scorsi da mani ignote. Il monumento dedicato a tutte le vittime innocenti di mafia

Informazione pubblicitaria
Martino Ceravolo e Francesco Bartone
Informazione pubblicitaria

È stato riposizionato sulla stele a lui dedicata, come promesso nell’immediatezza dei fatti, il rilievo artistico raffigurante il volto di Filippo Ceravolo, il 19enne di Soriano ucciso per errore in un agguato di mafia il 25 ottobre del 2012. L’icona in metallo era stata divelta la notte del 9 aprile scorso da mani ignote che l’avevano poi abbandonata a pochi metri di distanza dal monumento eretto in via Giardinieri il 13 maggio del 2015 e dedicato, oltre che al giovane sorianese, a tutte le vittime innocenti delle mafie. A riposizionarlo, questa mattina, insieme al padre Martino che da anni si batte per ottenere verità e giustizia per l’uccisione del figlio, anche il sindaco Francesco Bartone. I due hanno inoltre collocato una composizione floreale ai piedi della stele

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE:

Sfregiato a Soriano il monumento in ricordo di Filippo Ceravolo

Sfregio al monumento di Filippo Ceravolo, la condanna di Libera

Sfregio alla stele per Filippo Ceravolo a Soriano, il padre: «Voglio giustizia prima di morire» (VIDEO)