Crolli al nuovo Tribunale di Vibo, le attività riprendono ma gli utenti hanno paura (VIDEO)

Il Comune sta ripristinando la controsoffittatura venuta giù tra sabato e domenica. In corso il sopralluogo dei tecnici ministeriali. Si valuta la sicurezza dei locali

Il Comune sta ripristinando la controsoffittatura venuta giù tra sabato e domenica. In corso il sopralluogo dei tecnici ministeriali. Si valuta la sicurezza dei locali

Informazione pubblicitaria
Il controsoffitto crollato al Tribunale
Informazione pubblicitaria

Paura. E’ il sentimento generalizzato tra chi vive quotidianamente il nuovo Tribunale di Vibo Valentia. Una struttura iniziata venti anni fa, ancora non ultimata, ma in attività. Uno stabile che cade a pezzi. Nei giorni scorsi, anche a causa del forte vento soffiato sulla città, si sono registrati alcuni crolli del controsoffitto nei pressi dell’ingresso principale. Episodi che hanno provocato non poca apprensione tra gli utenti del Palazzo di Giustizia e tra gli avvocati che proprio nei locali di via Lacquari hanno la sede provinciale del proprio ordine professionale. Non si sentono al sicuro, pretendono delle risposte in tempi brevi da chi è demandato a darle, ma stamattina sono tornati a lavoro onde evitare il blocco delle attività, riprese anche in virtù di alcuni sopralluoghi che hanno escluso rischi per l’incolumità. 

Informazione pubblicitaria

Sul luogo stamattina si è portato pure l’assessore comunale ai Lavori pubblici Lorenzo Lombardo che insieme ai tecnici del Comune si è messo subito in moto per mettere in sicurezza l’area e ripristinare le controsoffittature crollate. E intanto proprio in queste ore è in corso un altro sopralluogo per valutare l’agibilità e la sicurezza dei locali. Su ordine del ministero della Giustizia e supportati dai Vigili del fuoco del Comando provinciale guidati dal comandante Salvatore Tafaro, in via Lacquari sono arrivati i tecnici del Provveditorato alle strutture pubbliche.

LEGGI ANCHE:

Crolla un controsoffitto nel nuovo Tribunale di Vibo, sospese temporaneamente le attività