Taglio abusivo di 50 alberi di faggio nel Vibonese, sei denunce per furto (VIDEO)

Sanzioni anche per l’azienda boschiva che impiegava un lavoratore in nero. Operazione dei carabinieri forestali di Serra e Vibo

Sanzioni anche per l’azienda boschiva che impiegava un lavoratore in nero. Operazione dei carabinieri forestali di Serra e Vibo

Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno, coadiuvati nella fase esecutiva dai militari del gruppo carabinieri forestali di Vibo Valentia, nel corso di un servizio contro la repressione del fenomeno del taglio abusivo di lotti boschivi nel comune di Fabrizia, dopo una serie di appostamenti, hanno bloccato 6 persone intente a disboscare un’area privata in maniera del tutto abusiva. In particolare i soggetti sono stati colti in flagranza di reato mentre tagliavano una serie di alberi di faggio servendosi, inoltre, di alcuni mezzi agricoli e motoseghe utili per il disboscamento. I soggetti, tutti residenti a Fabrizia, di età compresa tra i 32 e i 45 anni, pur esibendo le autorizzazioni al taglio di alcuni lotti boschivi della zona, sono stati trovati intenti a tagliare alberi non segnati preventivamente e non rientranti nel progetto di lavoro. Dai primi accertamenti sono stati scoperti circa 50 alberi di faggio già abbattuti e non segnalati preventivamente. Sono stati quindi deferiti tutti per il reato di furto aggravato mentre, il lotto boschivo in questione, circa 13 ettari in contrada “Casetta” del comune di Fabrizia, è stato sequestrato. Inoltre, i militari hanno eseguito una serie di accertamenti in materia di sicurezza sul lavoro accertando responsabilità in capo all’azienda per aver impiegato durante l’attività lavorativa un soggetto come lavoratore in nero. L’azienda è stata così multata per un importo complessivo pari a circa 15.000 euro.