Scorta a Rosaria Scarpulla, la Prefettura ribadisce: «Adottate misure congrue»

Nuova precisazione da parte dell’Ufficio territoriale del Governo dopo l’esposto presentato questa mattina in Procura a Vibo 

Nuova precisazione da parte dell’Ufficio territoriale del Governo dopo l’esposto presentato questa mattina in Procura a Vibo 

Informazione pubblicitaria
La Prefettura di Vibo

La Prefettura di Vibo Valentia, a seguito dell’esposto presentato questa mattina dall’avvocato Giuseppe De Pace, legale della famiglia Vinci di Limbadi, per il mancato riconoscimento della scorta a tutela di Rosaria Scarpulla, madre della vittima dell’autobomba del 9 aprile scorso Matteo Vinci, in una nota ribadisce che nei confronti della donna «sono state immediatamente adottate le misure tutorie ritenute congrue dal Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto. Si evidenzia che al ministro dell’Interno non compete l’adozione delle misure tutorie che, si ripete, vengono disposte in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Si continua a seguire con particolare attenzione gli sviluppi della vicenda».

LEGGI ANCHE:

Autobomba Limbadi: mancata scorta per Rosaria Scarpulla, esposto in Procura (VIDEO)

De Pace: «Scorta per Rosaria Scarpulla». La Prefettura: «Tutele attuali adeguate»

Scorta alla signora Scarpulla, la Prefettura di Vibo: “Tutele attuali sono congrue”